Trump mente. Ha incontrato Salvini. L’intercettazione telefonica in esclusiva per la malalingua

Donald Trump in un’intervista ha dichiarato che non c’è stato nessun incontro tra lui e Salvini. Non è vero! Trump mente per la gola perché non vuole perdere i voti dei suoi sostenitori i quali se lo vedono insieme a Salvini passano in massa ai democratici. Io però sono in grado di smentire l’affermazione di Trump poiché Piercamillo Davigo, anche se mi sta sui coglioni e lo attacco un giorno si e l’altro pure si fb, è un mio vecchio compagno di scuola che mi rispetta e per questo mi ha mandato in maniera riservata le intercettazioni telefoniche che ha disposto su Salvini.  Ed io per amore di verità e di cronaca e siccome sono affezionato a Lamalalingua, l’unico giornale libero d’Italia, le rendo pubbliche come fanno tutti i giornalisti che pubblicano le intercettazioni telefoniche che gli passano regolarmente i magistrati sui sospiri e gli ansimi delle zoccole che vanno a letto con i politici. In esclusiva per i lettori de Lamalalingua pubblico quindi alcuni stralci delle telefonate tra Trump e Matteo Salvini  perchè il testo completo delle intercettazioni sarà pubblicato prossimamente sul Falso quotidiano che stavolta rispetto a Lamalingua è arrivato in ritardo perchè Davigo prima di darle a Travaglio le intercettazioni le ha date a me. 

Ecco il testo delle intercettazioni.

Trump “Matteo Salvini? E chi essere Matteo Salvini?  Ah! coglione italiano leghista! Beh!  Ma tu cosa cazzo essere venuto a fare qui? Tu non vedere che io essere impegnato con campagna elettorale? Io avere cose serie da fare e non avere tempo da perdere con te”

Salvini “Donald io sono venuto per darti una mano”

Trump “E tu perso solo time (tempo) perché io non avere bisogno di tua mano. E adesso tu potere andare possibilmente a ffanculo!”

Salvini “No aspetta. Tu sei un genio ed io condivito tutto quello che dici, sui migranti che vanno presi a cannonate, sulle donne che sono tutte zoccole da portare a letto, sui negri che noi leghisti chiamiamo  “neger de merda. Su facciamo una conferenza stampa insieme così Berlusconi scatta per la rabbia e l’invidia.”

Trump “Ma tu essere proprio rincoglionito? io fare conferenza stampa con te? Tu volere mia rovina. Guardie toglietemi questa testa di cazzo davanti! Se miei elettori vedere te insieme a me io perso campagna elettorale. Capito?

Salvini “Se non è possibile la conferenza stampa fai almeno una dichiarazione che io sono bravo e fammi fare una foto con te così la faccio vedere ai miei amici e agli italiani ”

Trump “E vabbe và però tu fare vedere foto solo a Bossi e a Maroni non a italiani. Su fare presto che tengo da fare. Tu togliere subito dalle palle! Okei?”

Salvini “Si si Donald me ne vado via subito ma tu fatti baciare almeno la mano! Grazie per la foto. Sempre a disposizione. Servo vostro!”

Trump “No, tuo fiato puzzare di Lambrusco e a me piacere solo Wiski e poi tu con tuo fiato puzzolenti inquinare mio grande anello su dito”.

Salvini corrucciato, amareggiato e deluso ha così lasciato il quartier generale di Trump bestemmiando “Boia di un mond lader! Tombini di ghisa!”.

Salvini pare sia andato via accontentandosi di aver baciato la mano al portiere dell’albergo Astoria di New York che ha preteso in cambio cento dollari.

Ghino di Tacco a spillo

 

POLITICA