Stanno tornando insieme tutti gli ex…

Dario Franceschini capo delegazione PD al Governo e tenace precursore dell’alleanza con il M5* ci ha provato: “Se lavoreremo bene potremo presentarci insieme già alle regionali. È difficile, ma dobbiamo provarci. Per battere questa destra, ne vale la pena”.  L’accordo tattico contro la destra di Salvini/Meloni dunque, deve diventare un’alleanza politica e elettorale per le prossime elezioni regionali preparando il terreno per le politiche.

“Idea corretta per aprire una nuova stagione”. Zingaretti ha voluto assumerne la paternità con il conseguente irrigidimento dei pentastellati: “Il tema delle alleanze alle regionali non è all’ordine del giorno” . Dunque non c’è in ballo nessun accordo con il Pd in vista delle prossime elezioni regionali. Le priorità per il MoVimento 5 Stelle sono altre, ci sono temi importanti da affrontare e provvedimenti da realizzare in tempi celeri a favore dei cittadini. Sembrerebbe che le dinamiche interne e tra le forze politiche appartengono alla sfera del gossip. Ma non è del tutto vero se si considera l’orientamento degli elettori. I 5 stelle non vogliono alcuna alleanza sul territorio col Pd  ma  mostrano e sollecitano interesse verso i movimenti civici. È persino scontato pesare a quei Comitati Civici a cui Matteo Renzi sta scaldando i motori per  la Leopolda numero 10. Rullano i tamburi che annunciano la formazione di nuovi gruppi parlamentari. Nel contempo si assicura a Mattarella#Conte lealtà sino alla elezione del nuovo Presidente della Repubblica mentre si fa strada il ritorno a un sistema totalmente proporzionale.

Domenica scorsa alla festa nazionale dell’Unità, con Zingaretti accolto nel tendone al canto di Bandiera Rossa, si è celebrato un nostalgico revival: Stanno tornando insieme tutti gli ex e il Pd riprenderà quella S che aveva ai tempi di Occhetto e D’Alema.È tempo di marcare le distanze. È tempo di prendere casa in centro.  Col proporzionale non sarà difficile. Tanto più che una scialuppa di parlamentari di Forza Italia decisi a non morire sovranisti si è messa in mare aspettando che i porti riaprano…

PRIMO PIANO