Prufessò l’aggh’ia sapè da l’otre ca è scritte n’otre libre?

 

Io-Mbà Cosimo il libro non è stato ancora pubblicato. Non mi sarei mai permesso

di pubblicarlo prima di avertelo fatto leggere ed avere il tuo assenso.

Mbà Cosimino-Leggere? E ci tene a cape cu se legge nu libro. Ca ie so mienze analfabeto ca sacc a stend fa a firma mea. Ci cazz se l’à da leggere! Spiegamelo tu c’è scritte?

Io-No mbà Cosimino non posso parlarti dei particolari del contenuto del libro perché se no poi non se lo compra nessuno

Mbà Cosimino-E già tiene ragione pure tu. Ma almeno di ce parla?

Io-Questo te lo posso dire. Ti ricordi la dichiarazione del dissesto? Sto parlando di oltre dieci anni fa

Mbà Cosimino-dissesto, dissettimo, diottavo mo ce cazze vuò cu dice cu stu disseste? Ce iè u disseste?

Io-Mbà Cosimo il dissesto è quando un comune va in bancarotta cioè non ha i soldi per pagare i debiti ed erogare i servizi, trasporti, mense, asili, scuole materne, manutenzione strade ecc.

Mbà Cosimino-aggh capite quann n’amme sciute all’acite

Io-beh insomma non proprio ma è così

Mbà Cosimino-E piccè l’è scritte?

Io-Per ristabilire la verità e le responsabilità su quei fatti

Mbà Cosimino-La verità? Ma tu u sé ca a verità no le piace a nisciune? Qualunque essa sia. A verità face semb male e scundenda semb quarche d’une. No sé ca mo quidde ca no le piace quidde ca è scritte t’ann a fa tre palme de cule?  Ma ci cazz te l’ha fatte fà? Semb in cerca di grane vai! Mi sa ca t’ann a difendere sule u bionde e quidde d’a Malalenga ca so pacc comm a te! Comunque so cazz tua.

Io-Mbà Cosimo occorreva fare chiarezza su quei fatti perché quei fatti sono stati vissuti drammaticamente dai tarantini

Mbà Cosimo-Ma almeno t’è mise l’elmo e a corazza?

Io-Si mbà Cosimo tutto quello che ho scritto è documentato anche con documenti inediti. Da questo punto di vista il libro è inattaccabile. E poi sai cosa diceva Gramsci sulla necessità di dire sempre la verità? Diceva che “La verità è sempre rivoluzionaria”

Mbà Cosimino- E mo ci è stu Gramsci? N’amiche tue e d’u bionde Sventurine? Comunque tiene ragione. A verità pure quanne face male sadda dicere, sempe!

E a proposite de verità ka face male: ve facenne u spadaccine de Renze, e sciute da Leopoldo, ste brighe k’ù a destre d’ù purtone de Lecce…Ma no è ch’è deventate coma a rundelle? Sacc’ie, ma a me kussì me pare…  A Madonna cu t’accumbagne. Ciao prufessò

Mario GUADAGNOLO

Nota di Alfredo Venturini: Kare Mba Cosimimo, stavote t’è sbagliate…nongiù defenne manch’ie. sòsule kazzesue!!!

Kamanghe

cosimino