Il tramonto del re sole…

Se le cose dovessero andar male anche il Emilia Romagna, non vi venga in mente di prendervela con me…

Il pensiero ha accompagnato la sua notte insonne e re Luigi ha deciso di rinunciare alla corona per poggiarla, qualcuno dice provvisoriamente, sul capo di Crimi.

Adda passa a nuttate, poi vedremo. Ma le previsioni non sono incoraggianti. Se passa la Borgonzoni in Emilia Romagna il M5s e non solo sarà umiliato. Se dovesse  vincere Bonaccini nello scontro con la Lega, il M5s ne uscirà stritolato. Se dovesse stravincere Bonaccini, c’è il rischio che il Pd mandi a casa Di Maio correndo al voto per incassare il consenso. Comunque vada sarà un disastro. E mentre re Luigi è sull’orlo del burrone, ieri  il suo antico alleato e oggi nemico giurato Salvini, accompagnato da uno stuolo di cronisti, girava l’ennesimo spot elettorale citofonando ai condomini di periferia di Bologna in cerca di qualcuno segnalato per una caso sgradevole: scusi è il primo piano? E’ lei che spaccia???

Re Luigi, osservando su facebook lo spot dell’ ex partner che non gliela perdona per averlo tradito, avrà pensato: oggi approfitto della delegazione dei ministri 5 stelle che verranno a trovarmi in mattinata a Palazzo Chigi, per comunicare le mie dimissioni dalla guida del Movimento. Circondato da sinistra e da destra e soprattutto affiancato da tanta arrogante mediocrità, meglio mollare. Del resto cos’altro potrei fare? Si stanno dimettendo tutti, perchè non dovrei farlo anche io?  Il governo rossogiallo doveva distruggere la sinistra , ma sta disintegrato il M5s… a qualcuno che ha provato a sussurargli in un orecchio, Luigi resisti, la missione in parte è compiuta, il Pd si sta grillizzando… Luigi avrebbe risposto: è vero, ma il merito è solo di Zingaretti…

PRIMO PIANO