Il pacco…

Questa mattina per le vie del centro ho incontrato il noto commentatore politico de La Malalingua:

Io-Mbà Cosimino buon giorno!

Mbà Cosimino-Buongiorno aukazze…

Io-Cominciamo bene, e che maniere sono? E’ questo il modo di rispondere al saluto degli amici?

Mbà Cosimino-lasseme perdere u biò ka osce no è cose

Io-Problemi?

Mbà Cosimino-Chidde ngè penze u diaule a mannarle e no sò maie mazze. Ma stoke e penze alle doie carabbeniere

Io-Stamani la Forza ha bussato alla porta di casa tua?

Mbà Cosimino-no fa u stuedeche u biò a “Forze” da casa meie no passe cchiù!

Io-E allora chi sarebbero i due carabinieri?

Mbà Cosimino-t’arrequerde quanne se cuntave ka le carabbeniere scevene camenanne come alle perdunne a doie a doie,  piccè une sapeve leggere e l’otre sapeve scrivere. Accussì parene Conte, Salvine e Dimaie. Conte legge e Dimaie scrive…

Io- e il terzo? Salvini?

Mbà Cosimino- Salvine kakuucazze…

Io-Fammi capire senza essere scurrile…

Mbà Cosimino-ie no tenghe nisciune currive, è Salvine ka se ste kumenze ancazzà. Osce ha ditte ka in quel Consiglie della manina, Conte leggeva e Di Maio scriveva. ” Il dicomento oggetto di scandalo di cui alla Lega e a Salvini non futte nu cazze è stato letto dal presidente del Consiglio e verbalizzato dal ministro Di Maio”. Ce pò Conte legge sdreuse e Dimaie no sape screvere nossò fatte suie.

Io-e tu ritieni che Salvini abbia ragione?

Mbà Cosimino-quidde è nu figghiedezokkele ka se l’ha fatte alle doie bambasciune. L’ha fatte gnuttè l’esche e lo doie cefele honne kadute ientre a nasse. Giggine quanne ha sciute a case ha purtate u pacche a mugghiere e, sparemempitte, ha ditte: ho fatte un affare!

Io- Mimmo non mi pare che Di Maio sia sposato…

Mbà Cosimino-u bbiò, si proprie na catare. Abbade a me, segui la semafora delle silimitudini.

Io- mbà Mimì ie so catare ma a signerie per seguirti ncè vole  u’ nterprete: Ma quale semaforo? Si dice me-ta-fo-ra la figura retorica che trasferisce un termine dal suo significato proprio a uno figurato.  La similitudine invece è una figura retorica che mette a confronto due concetti. Ma che te lo dico a fare…

Mbà Cosimino- mene nofà u professore mo, ka già ste l’amiche tue ku a panze ka avaste e suverkie…ie vulèkudiceve ka Giggine ha ditte a Fiche: tu no vale niente.Ie agghie fatte n’affare ku Salvine e l’agghie paiate quatte solde…

Io- e il Presidente Fico cosa gli ha risposto?

Mbà Cosimino-stuè: t’honne fatte fesse. Puerte u pacche ndietre e fatte da le solde da Salvine. Ce nò sokazze tue…

Camanghe

cosimino