“Con Di Maio sono rinato, prima su Ilva solo mortificazioni per me. Oggi sto molto meglio…”

A due passi dalla casa che fu del Santo Tarantino, seduto sui gradini che degradano verso il mar piccolo, lo scorgo talmente assorto nei suoi pensieri da non riconoscermi

Io:-no sime kiù ninde Memì? Ce tagghie fatte?

Mbà Cosimino:- U biò ce me fatte? Tu no me fatte proprie ninde. Ma stame accise u stesse. Stoke e penze a sta povere Tarde nueste. Cè bbbrutta sorte k’hamme ngappate e c’è fine ka n’aspette!!!

Io:- giornata no? Sbaglio o sei particolarmente pessimista?

Mbà Cosimino:- Vendurlino, ie a matine, me venghe azzette susa a ste gradine d’u vasce e aspette ka iesse u sole rete a Muntemesele e quanne iesse e n’otre giurne k’amme guadagniate…nisciune maie n’ha rialate ninde! Nuie a vite na pigghiame mienze a strade, come avene avene,,,sime reduce e cumbattime ancore…e le chiacchiere ne stonne suse u cazze!

Io:-Di chi sarebbero le chiacchiere?

Mbà Cosimino:-  De quidde fizze mpernacchiate de Giggetto. Ha fatte bbbuene u Sinneche Melucci a rifiutà st’otra pagliacciate…  U ministre  Di Maio ha convocato “una serie di sigle pseudo associative e comitati, tra cui quelle delle aggressioni in Prefettura nel giorno dell’ultimo tragico incidente nello stabilimento”… “dilettantismo spaccone che il Ministro Di Maio ci spaccerà per trasparenza e democrazia, ma è solo una sceneggiatura ben congegnata per coprire il vuoto di proposte e di coraggio”.  Melucci l’ha chiantate a graste, ha ditte ka “poco dopo le 21.30 di sabato, l’invito al tavolo Ilva del 30 luglio è stato revisionato, non integrandolo magari coi parlamentari ionici, ma estendendolo addirittura ad una serie di sigle spesso inclini al dileggio delle Istituzioni, sigle che hanno parte della responsabilità di aver lacerato la comunità ionica in questi anni”…

Io:- e quindi ha deciso di disertare l’incontro. Ma i tarantini lo capiranno?

Mbà Cosimino:- Le tarantine? Sonne bbbevute le chiacchiere de quidde, quidde e quidd’otre e mmmò stonne mbriake…pronte p’essere futtute ann’otre vote. Stà vote tokke a Giggette  refelarne u bedone.

Io:- quale sarebbe il bidone? Credo che voglia approfondire, capire, continuare a trattare, prima di decidere nell’interesse del paese e dei tarantini..

Mbà Cosimino:- U biò me ste pigghie p’u cule come Giggette ste face cu le tarantine? L’incontro “è stato convocato perché Arcelor Mittal ha chiesto di poter illustrare a tutti gli stakeholder le proprie proposte. Per me hanno diritto a partecipare tutte le rappresentanze dei cittadini coinvolti, incluse le associazioni e i comitati che in questi anni hanno svolto un ruolo essenziale. Ed è per questo che li ho invitati”, ha detto Luigi Di Maio, aggiungendo che il tavolo “non è stato convocato per trasformarsi in un club privato”. “Chi preferisce può liberamente scegliere di non partecipare”, ha spiegato. “Da ministro lo accetto, ma ne trarrò le dovute conseguenze”.

Io:-un incontro allargato per capire e conoscere…

Mbà Cosimino:- e farse pigghiare pe cule!!! Kidde honne già decise. L’indiane so doie! Une ste jndre u stabelemde da quacche giorno e ste face gia u padrune…l’otre è Giggette k aste face u’ ndiane a Rome…dice ka vo ku revoke l’aggiudicaziona… ma se piccè s’incontrano al MISE?

Io:- perché è la sede del Ministero per lo Sviluppo Economico…

Mbà Cosimino:-ma allore è vere ka è deventate studeke. Piccè,sotte pe sotte,  s’honne MISE d’accorde!!!

Io:- Colgo la finezza ma in ogni caso  l’accordo va bene per Taranto…

Mbà Cosimino:- lore s’honne MISE d’accorde ma mo honne acchià quidde ka l’adda pigghià ngule. Dope tutte le chiacchiere ka Giggette e le cumpare sue, honne prumise alle tarantine…”ce u cetrule zunpe  u Sinnache l’adda kogghiere”…

Io:-Credo quindi che il Sindaco sia consapevole che, al di la delle chiacchiere di molti,” intorno ad Ilva il più drammatico errore che si può compiere è quello di non lavorare sulle carte, sulle copiose analisi degli organismi deputati al controllo sanitario e ambientale, al riparo dalle speculazioni politiche e lontani dalle ideologie che forse ciascuno si porta dietro, anche inconsciamente”…facendosi “condizionare da certe voci radicali, minoritarie e disfattiste”. Ma in questa difficile partita che ruolo gioco il Presidente Michele Emiliano? Lui cosi amico ed estimatore di Luigi Di Maio che lo  “informa sistematicamente di tutto ciò che avviene sull’Ilva. Con lui ho una cortesia istituzionale e umana, e soprattutto una lucidità politica nell’individuare la soluzione, che dal mio punto di vista non è neanche paragonabile a Calenda. Di Maio ha una connessione col territorio tarantino immensamente superiore a Calenda.

Mbà Cosimino:- Il ruolo di Miliano è quello della mungolfiera afflosciate…

Io:- Mimì sei così tagliente nella tua ironia che non riesco a coglierti pienamente…

Mbà Cosimino:- coglie, coglie…deve andare bbbascio alla gravina di Leucaspide, per ritrovare la mungolfiera che aspettanno l’aiutino di DiBattista, ha perso l’aria calda…u pallone s’ha sgunfiate e  sciù specciate indre a mmm…

cosimino