Brand: u’ scurzone sotte a petre…

Partiamo dal programma e dalla discontinuità…

Povere a ce le canosce e capisce quanda chiacchiere stonne a vennene.

Parene come a chidde ka honne purtate nquedde sembe a stessa cammise fetende  e mo pe a feste se vonne ku kangene. Se vonne ku mettene quedda nova, bella bianghe,  senza ku se lavene. Ma u fizze se sende e da lundane!!!

Dieci anni fa stavano tutti con Stefano. Molti simboli portavano il suo nome. Angore ve scè sbagliate: nuie stame tutte k’u’ dottore! E pé decianne honne fatte tutte quidde ka deceve u miedeche: cioè no hanne fatte nukazze!!! S’aggetavene, se vutavene e revutavene. Quidde azzerave a Giunde e menacciave: Tutti a casa! E lore se cacavene jindre alle mutande e pè nò scè a case se stàvene citte e ku a lenghengule.  Ognune o poste sue e addà honne remaste, ku u miedeche fina a iere.

Mo honne deventate tutte curaggiuse e pare fa ka non ge u kanosce kiù nisciune o miedeke…

Vonne spirte pè n’otra facce da mettere n’annze.  E seccome non ge l’acchiene stonne a sciokene a perdere.

Tutti civici doc! Suggerisco a costoro di scegliere nu chiancone come simbolo e di assumere come brand: u scurzone sotte a petre…

A ce nò vè canosce, pimece…

 

POLITICA