Arrestato il sindaco

simone_uggetti_lodi-535x300

“Avevi promesso che ci avresti fatto ridere”. I primi a contestarmi saranno gli amici de La Malalingua. E’ vero, lo confermo. Infatti leggendo questa dichiarazione del vicesegretario Pd e ex sindaco di Lodi Lorenzo Guerini, mi sono “sbellicato” dalle risate: “Ho conosciuto in questi anni Simone Uggetti come amministratore competente e accorto e come persona più che corretta e limpida, piena e totale fiducia nel lavoro dei magistrati, confidando che si faccia chiarezza con la massima rapidità “

Arrestato e sospeso è la notizia del giorno, di ogni giorno. Un arresto al giorno toglie il sindaco di torno… Un altro. La lista sembra interminabile. Inarrestabile.

Dovevano cambiare l’Italia, sconfiggere la corruzione, vincere il malaffare, ma i lavori sono sospesi… come questi “integerrimi amministratori”.

Ho dismesso il mio inossidabile garantismo? Assolutamente no. Chi è garantista lo è sempre e per sempre. Il mio garantismo non è sospeso…così come non è sospesa la mia fiducia. Ho fiducia che qualcuno prima o poi, incontrandomi per strada mi chieda scusa.  Riconosca che la diversità ostentata era un invenzione. Una spudorata menzogna propinata ai creduloni. “I disonesti sono gli altri, la nostra superiorità morale c’impedisce di esserlo” dicevano soddisfatti di averla data a bere… e ci credono ancora. O meglio pensano  di poterlo far credere a chi li ha sostenuti:

Ne ho conosciuti tanti di amministratori come Ugetti che hanno sempre “agito per il bene della propria città”. Assolutamente convinti e in perfetta buona fede hanno violato la legge con innocenti “turbative d’asta”  impunite. Mai o quasi osservate con attenzione dai distratti inquirenti da altri “indagati”. La turbativa d’asta ipotizzata per il sindaco di Lodi è prassi consolidata in molte amministrazioni del centro nord, per non parlare poi degli affidamenti diretti. Tutti, per carità, affidati in perfetta buona fede, e per consolidare il proprio potere e quello del proprio “cerchio magico”.

L’oobligatorietà dell’azione penale ha in se una colpevole discrezionalità che spesso produce queste distrazioni. Dopo il presidente del Pd della Campania indagato, il consigliere comunale del Pd di Siracusa arrestato, oggi è il turno del sindaco del Pd di Lodi, anche lui arrestato. Forse qualcosa sta cambiando? Sono sicuro…che le scuse non ci saranno!

PRIMO PIANO