A Renzi il premio della critica, a loro quello della spudoratezza…

Massimo Recalcati, con l’aiuto della psicoanalisi prova a spiegarci l’odio antirenziano. Un problema storico di quella sinistra incapace di interpretare il suo tempo. Renzi non è il primo né il solo a subirne le conseguenze. Prima di lui e più di lui Bettino Craxi divenne vittima a schiena dritta dello stesso odio. L’ho detto subito perché, chi giudica a prescindere, possa rinunciare a leggere quanto sto per scrivere. Una banda di “opinionisti” provano a farla franca con una inversione a U. Basta scorrere il rewind degli ultimi 30 giorni per rendersene conto. Il problema non è solo la politica, quanto il racconto che se ne fa agli italiani, condizionandone la conoscenza e la coscienza con una lettura faziosa e fuorviante. Siamo oppressi e condizionati dal “copia e incolla”. Un tempo si diceva “l’ha detto la televisione”… per dipingere di verità una fiction… Ieri ci ha provato Grillo, simbolo del mediocre poema epico del nostro tempo, proponendo al suo popolo un quesito strampalato:  “Sei d’accordo che il MoVimento sostenga un governo tecnico-politico che preveda un super-Ministero della Transizione Ecologica e che difenda i principali risultati raggiunti dal MoVimento, con le altre forze politiche indicate dal presidente incaricato Mario Draghi?” Strampalato perché? Mario Draghi è il Presidente incaricato perché le emergenze sanitaria, sociale, economica possono essere fronteggiate soltanto attraverso l’utilizzo, rapido ed efficace, delle grandi risorse, predisposte dall’Unione Europea e richiedono immediati provvedimenti di governo. È doveroso, quindi, dar vita a un governo, con adeguato sostegno parlamentare, per non lasciare il nostro Paese esposto agli eventi in questo momento così decisivo per la sua sorte. Il Presidente Mattarella ha rivolto un appello a tutte le forze politiche presenti in Parlamento perché conferiscano la fiducia a un Governo di alto profilo, che non debba identificarsi con alcuna formula politica. Un Governo che faccia fronte con tempestività alle gravi emergenze non rinviabili. In questa decisione assunta dal Presidente Mattarella c’è la saggezza, l’equilibrio, la fermezza di un Capo dello Stato che indica la rotta alla nave Italia per affrontare la tempesta conferendone la plancia di comando a Mario Draghi. Il M5S è riuscito a non governare sia con la destra che con la sinistra negando ogni promessa su cui aveva illuso gli elettori. Sergio Costa dal 1º giugno 2018 è stato Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare nei governi Conte I e II. Nel corso delle ultime elezioni politiche venne indicato da Luigi Di Maio per la squadra di governo del M5S. Se Draghi dovesse difendere “i principali risultati raggiunti dal MoVimento,” vorrebbe dire che il Presidente del Consiglio uscente Conte si è mostrato un incapace. Conte invece è stato l’artefice del rinvio e interprete di un metodo ricorrente dei suoi due governi. Quello di evadere il merito dei contenuti, fermandosi ai titoli. Il metodo è sempre una scelta! Impedire la conoscenza e conseguentemente il confronto nel merito. Questa scelta sta alla base del fallimento! La transizione è il passaggio da una situazione a una nuova e diversa. Quindi quella di Grillo e del suo strampalato quesito è una contraddizione perché difende i risultati raggiunti dal Governo Conte. Quali? Non è dato di sapere… A proposito del “super-Ministero della Transizione Ecologica che difenda i principali risultati raggiunti dal MoVimento”, vale la pena soffermarsi su una delle criticità che in questi (continua ...)
A proposito d’immunità di gregge
Grillo ci prova con l’immunità di gregge… Ormai sono tutti grillini. Abbiamo contagiato Leu e il Pd di Zingaretti. Anche Mario Draghi è uno di noi! E’ un dentista che deve estirpare una carie. Ma non ha le idee chiare… Facciamolo parlare. Vediamo cosa ci propone e poi sarà la piattaforma rousseau ad esprimersi. Per il momento non siamo in grado di fare sintesi, Non sapremmo cosa chiedervi e quindi su cosa dovreste risponderci? Come dire non sappiamo noi, cosa cazzo fare, figuriamoci se potreste aiutarci voi… Comunque abbiamo chiesto “un superministero per la transizione ecologica” al quale potremmo andare solo noi, chi altri? Una persona normale gli chiederebbe: scusa Beppe, avete espresso il Presidente del Consiglio con la destra e con la sinistra, ma come cazzo non vi è venuto in mente di chiederlo all’avvocato del popolo questo super Ministero? Tanto peggio di come è andata… Possibile che (continua ...)
la pizza dell’avvocato del popolo
Il Conte che oggi si propone come leader antisovranista all’ONU diceva il contrario. Il Conte che si dice antipopulista alla scuola di formazione della Lega spiegava le ragioni del populismo. Il Giuseppi che riceveva l’endorsement di Donald Trump oggi s’inventa l’amicizia con Biden Cambiare idea è possibile soprattutto per chi è scarso di idee e maggioranza. Per sopravvivere deve raccattare persone con storie molto diverse per durare un po’ di più…
auguri 2021
Al di là dei muri invalicabili che talvolta incontri sul tuo cammino, c’è il tuo domani… Devi trovare la forza di abbatterli! Con le persone a cui vogliamo bene, per quelle che ci hanno lasciato, e quelle che restano per vincere la paura…Auguri di buon anno
L’ossimoro di Landini: Jobs act…
Il Giudice ha rigettato l’impugnazione del licenziamento di Iginia Roberti: “Considerato che il patrimonio sociale della fillea-CGIL di Taranto è risultato inesistente per effetto delle perdite negli anni sempre più consistenti che tale situazione integra un giustificato motivo oggettivo di licenziamento in ragione della necessità di contenere i costi…” So che alcuni proveranno a dirmi che “Le sentenze si accettano e non si commentano”. Lo considero un balordo luogo comune. Il  tentativo di nascondere la vergogna di chi ha deciso quel  licenziamento ed oggi può andarne fiero ed orgoglioso perché il giudice ha deciso che lo poteva fare. Quella sentenza non può impedirmi di esercitare il diritto di opinione che non cessa di esistere perché esercitato verso un provvedimento giurisdizionale. Ma in ogni caso non è sulla Sentenza che intendo esprimermi. Avevo già detto che, comunque si fosse espresso il Giudice, il sindacato, la fillea-CGIL, ne sarebbe uscita sconfitta (continua ...)
Landini e il coraggio dell’indifferenza…
Mancano pochi giorni a che il Giudice si esprima: lo farà con una sentenza e noi ci auguriamo, confidiamo, che quella sentenza faccia Giustizia. Siamo stati e saremo al fianco di Iginia Roberti perché ha subito un torto gravissimo dal suo sindacato, la Fillea CGIL. Ci siamo impegnati a combattere con lei e per lei, insieme al suo legale Avv. Mario Soggia, che non ha risparmiato competenza e passione nella difesa di una lavoratrice umiliata, licenziata e messa alla porta. Insieme ad altri vecchi sindacalisti della CGIL abbiamo scelto d’ intervenire  come testi per difendere Iginia Roberti una lavoratrice ingiustamente licenziata, ma se volete anche per difendere il Sindacato che noi abbiamo conosciuto. Quello che i lavoratori li tutelava e difendeva dal licenziamento  piuttosto che licenziarli. Lo abbiamo fatto aspettando che Maurizio Landini si decidesse a rimuovere questa vergogna…Purtroppo, con nostro grande rammarico non è avvenuto. Landini ha preferito (continua ...)
Se oggi Salvini non è a Palazzo Chigi è perché non abbiamo ascoltato chi nel Pd voleva elezioni…
Qualche riflessione da un inguaribile malalingua sulla soglia dei settantanni. Ci metto la faccia in quel che credo, come sono abituato a fare da sempre: Sono socialista: non ho cessato di esserlo neppure quando ho vissuto sulla mia pelle la persecuzione giustizialista. Ne sono uscito assolto. Con profonde ferite (continua ...)
Se la verità non ha valore, la stupidità non è un argomento…
“FCA ha chiesto ingenti finanziamenti allo stato italiano nonostante abbia la sede in un paradiso fiscale!” E’ il nuovo presunto scandalo attribuito al Decreto Liquidità. A parlare alla pancia dei creduloni questa volta non sono i soliti noti nazionalisti dei Navigli e della Garbatella, ne i fiancheggiatori grillini sovranisti, ma il vice segretario del Partito democratico, Andrea Orlando.
La ragazza di sessantanni e la libertà di dire quello che sente dentro…
Teresa è una donna forte. Tenace. Coraggiosa. Capace ancora di commuoversi. La sua è una commozione sincera perché fa emergere sentimenti e valori che le appartengono. Teresa è parte di una esperienza di vita, ancor prima che politica. Da sindacalista tante volte ha cercato di difendere la sua gente, (continua ...)
“era stato deciso che la vita dello statista era il prezzo da pagare”
Noi Socialisti eravamo convinti che la trattativa fosse l’unica strada per salvargli  la vita. Si erano delineate due posizioni diverse della politica verso il rapimento: da un lato, il cosiddetto “fronte della fermezza” che escludeva qualunque possibilità di trattativa con le BR,  in cui si schierarono rigidamente i comunisti, (continua ...)
Il paese è nelle sue mani…
Caro Presidente il gruppo di lavoro ha indicato nella soluzione denominata Immuni… quella più rispondente alle attuali necessità”. Così scriveva il 10 aprile Paola Pisano (M5S), “la signora dei droni”, al Presidente Giuseppe Conte che l’ha voluta nel suo Governo come ministro per l’innovazione. La modernizzazione del Paese attraverso (continua ...)
OLTRE LA PARITÀ FORMALE…
“All’interno delle società le #donne sono state e sono portatrici di rivoluzionari cambiamenti, con ricadute sull’intera collettività. Attraverso le loro scelte individuali di vita, hanno messo in crisi quella rigida divisione tra sfera privata femminile e sfera pubblica maschile su cui a lungo si era retto il vivere sociale. Nei settori (continua ...)
Mascherine a 50 cent: chi le ha trovate???
Quante mascherine servono? Basteranno quelle che abbiamo? Quante ne abbiamo? E’ realmente possibile venderle a 50 centesimi +IVA? Il commissario per l’emergenza coronavirus Domenico Arcuri aveva annunciato che da lunedì 4 u.s. tutti i cittadini “che vorranno acquistare le mascherine, le troveranno al prezzo massimo di 50 centesimi, al (continua ...)