Siamo in un tempo in cui se a uno non torna un bilancio con la penna mette 5 milioni in più ed è fatta…

“Tutte le volte che ci sono campagne elettorali e che si profila una mia vittoria (di Berlusconi) se ne inventano di tutti i colori. Questa volta c’è qualcuno più pericoloso della sinistra. “Una formazione populista, ribellista, pauperista, quasi più pericolosa dei post comunisti del 1994. Una setta che prende ordini da un vecchio comico e dal figlio di uno sconosciuto suo socio defunto, cambiano parere da mattina a sera, capaci di seguire qualsiasi idea. Porterebbero Italia verso il vero disastro e al governo i peggiori rappresentanti della magistratura militante”…

Siamo in un tempo in cui se a uno non torna un bilancio con la penna mette 5 milioni in più ed è fatta…  Renzi ce l’ha forse con Di Maio?

Il 4 marzo c’è da vincere contro i 5 stelle: l’incompetenza elevata a elemento di orgoglio”. “Poi c’è il centrodestra, un remake del passato…

“Guardo i sondaggi e vedo che i commentatori hanno già votato, i talk show anche, ma i cittadini ancora no: dipenderà dalla forza di ciascuno di noi far prevalere le ragioni della speranza contro le ragioni del rancore”: “Nei sondaggi il Pd aveva 11 punti in più nel 2013, questa volta potremmo scendere in campo con il coltello tra i denti”…

“Ma che esagerati questi del Pd, in fondo che avrò detto mai? Che mi piacciono Grillo e Di Maio e tutti i Cinquestelle, embè?

A dirlo Orietta Berti dopo le polemiche per il suo endorsement al M5s. “Con Beppe Grillo c’è un affetto che dura da anni, da quando facevamo serate insieme e lui sforava con i suoi monologhi e poi mi diceva: Orietta, ora ti tocca tagliare qualche canzone perché qui la gente vuole andare a letto presto…

“Sia Renzi che Berlusconi dicono che la battaglia è contro di noi ed i nostri congiuntivi.  Ogni volta che dicono questo capisco che abbiamo già vinto. Noi siamo davanti e loro ci inseguono”, “Nei prossimi giorni selezioneremo i candidati grazie ai nostri iscritti e alle loro preferenze. Il 4 marzo “potrebbero esserci due scenari per il Movimento Cinque Stelle. Uno è quello di aver raggiunto il 40 per cento e, quindi, di poter governare da soli. Ma se dovessimo, e spero questa volta di non sbagliare il congiuntivo, aver raggiunto meno Triplicheremo il numero dei parlamentari… Orietta Berti mi ha chiamato per dirmi: il congiuntivo questa volta è corretto e finchè la barca va lasciala andare…

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento