A uè na buste…

 

Le clementine erano davvero belle. Invitanti. Non ce l’ho fatta a passare oltre indifferente. Mi sono fermato a comprarle. Le ho scelte: ho preso quelle attaccate ancora al rametto di foglie profumate. Le ho posate in un contenitore che ho dato al fruttivendolo per pesarmele.

Fruttivendolo: –Auè na buste? Mi ha chiesto minaccioso.

Mba Cosimino:-Eccerte k’avogghie na buste. Addò me l’agghie mettere le clememtine? Nzakke?

Fruttivendolo: –No u Mè so assaie e no trasene. Ta pigghià na buste.

Mba Cosimino:-Damme a buste e maniscete no sciukà

Fruttivendolo: –Vi ka stoke e parle averamende. Stamatine vonne tutte nkazzate pe le buste ka l’honne paià… pè colpe de Renzie.

Mba Cosimino:-Sinteme a me: quidde ka stave nnanze a me no sceve ncazzate piccè ha paiate nu centeseme pà buste ka l’è date, sceve nervuse da quanne assute do tabacchine addò sa sciucate tutte a penzione pe nu numere ka non ciassute…e a scuntate u nurvuse suse a buste.

Fruttivendolo: –Quiste non ciù sacce…Però tene raggione stu kazze de guverne ka face paià le buste alle povere criste ka non gi’arrivene a fine d’ù mese…

Mba Cosimino:- a me despiace de le puveridde ka no tenene ku mangene,  ma jndre u tabbacchine no se po’ trasè pe a folle  kà stè.

Fruttivendolo: –Evvabbè u Mè no fà u tegnuse, le vicchiaridde tenene u deritte de fumà pure loro?

Mba Cosimino:-Se ce stè: vafangule tu a buste e le clementine…no ne vogghie kiù!!!

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento