TAMMURRIATA SALENTINA

RAGAZZO NERO

“Io nun capisco ‘e vvote che succede/e chello ca se vede nun se crede/

è nato nu criaturo è nato niro,
e ‘a mamma ‘o chiamma Ciro, sissignore, ‘o chiamma Ciro.”

In un paesino del Salento è successo il fatto della famosa canzone,  da una coppia di bianchi è nato un bambino nero.

Il marito “Zoccula!!!Bottana! Dimmi ci ha statu stu figgh i bottana! Da ddo è ca vinutu ti lu Zambia?”

“Ti lu giuru Vituzzu, nun è statu nisciunu gnuru. Nun ci lu sacciu cumu à statu”

“Seh vota e gira seh
seh gira e vota seh
ca tu ‘o chiamme Ciccio o ‘Ntuono
ca tu ‘o chiamme Peppe o Ciro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…”

Vituzzu è innamorato della moglie e vuole crederle con tutto il cuore però sente sulla fronte un continuo prurito e vede due rigonfiamenti anomali che crescono ogni giorno uno a destra e uno a sinistra.

Vituzzu va da cummà Memena che abita di fronte. “Cummà Memena aviti vistu lu criture c’à nate ieri? A’ nate nire!!”

e la saggia cummà Memena

“S”o contano ‘e cummare chist’affare
sti cose nun so’ rare se ne vedono a migliare,
‘e vvote basta sulo ‘na guardata,
e ‘a femmena è rimasta sott”a botta ‘mpressiunata.”

Vituzzu ha qualche dubbio anche perchè le due protuberanze cominciano ad allungarsi a vista d’occhio e cominciano anche a dargli uno strano prurito. Intanto nel paese si è sparsa la voce.

“Seh ‘na guardata seh
seh ‘na ‘mprissione seh
va truvanno mò chi è stato
c’ha cugliuto buono ‘o tiro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…”

Vituzzu però ancora non si capacita del fatto e vaga come uno sbandato sulla spiaggia di Santa Maria di Leuca.

Carmelina va dalla mamma che si chiama Mamma Ntonia si come quella di Via Temenide dove c’era il  famoso lupanare (perchè le mamme imbiancano ma ti amano di più) e le dice “mammà ma come è potuto accadere?”. Mammà che oltre ad essere una mamma che imbianca e che ama di più è  stata anche na frusculona ca n’ha fatte de battaglie!
“Meh dillo a mamma meh
meh dillo pure a me
conta ‘o fatto comm’è ghiuto
Ciccio, ‘Ntuono, Peppe, Ciro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a che… “

“Mammà na sera aggh ncuntrate nu belle gnure ca si chiamva Alì Halrham Mmoktameth e veniva dal Kenia. Era proprie nu belle gnure e teneva na p…..ca no te dico. Però mammà ti giure su quedda sand cape de papà ca no amm fatte nind! Ha state sule na guardate, ha state sule un’impressione! “

Seh ‘na guardata seh
seh ‘na ‘mprissione seh
và truvanno mò chi è stato
c’ha cugliuto buono ‘o tiro
chillo ‘o fatto è niro niro, niro niro comm’a cche…

“No ti giuro Alì non c’entra mi ha solo sfiorato”

“Ti ha solo sfiorato? E ci jè Nembo Kid! Carmelina tu puè pigghià pi lu cule a quidd cugghione de Vituzzu noni a mia ca de p….ne capisc assai! Di u giust ha state quidde malesurtate di Alì Mmmoktamet! ma no te preoccupà, cu Vituzzu me la vesciu io!”

Intanto Vituzzu va dal medico che era un polentone di Rovigo trapiantato a Leuca perchè gli hanno detto che deve fare l’esame del DNA e gli dice “dottore ha saputo il fatto di Carmelina? Il bambino è nero! Lei dice che è stata la stanchezza” E il medico ” Sior Vitusso non perda sghei inutilmente. No l’è stada la stanchessa l’è stà un casso! Piuttosto si curi il gonfior su la fronte che ghe spunteno già le corna!”

Vituzzu è incazzato come una furia torna a casa e vuol fare una strage. Ma Mamma Ntoni lo blocca e gli dice “Vituzzu Carmelina na sanda è. La colpa è tua ca no ti lavi! Ci t’avess fattu lu bidè prima di…..lu piccinnu nun c’avesse nate nire. Lu nire eti lu sivu ca tieni ncueddu e l’hai trasmesso susa a la pelle du criature. Si capite?”

Vituzzu felice ” Sò cuntend mammà so cuntend. Menu male va. La prossima vota prima di…..mi fazzu lu bidè!

‘E signurine ‘e Capodichino
fanno ammore cu ‘e marrucchine,
‘e marrucchine se vottano ‘e lanze,
e ‘e signurine cu ‘e panze annanze.

Dal Brennero dove Ali Halrham Mmoktameth si trova per cercare di passare il confine e andare in Austria giunge notizia che una signorina Ingrid Shoeller ha dato anche lei alla luce un bambino nero frutto di “una guardata e di n’a mprissione” di Ali detto “La canna fumaria che non perdona”

GHINO DI TACCO A SPILLO

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento