Se sei stanco della solita colomba, quest’anno cambia uccello…

In molti lo avevano detto e lo hanno fatto. Erano stanchi che in Italia non cambiasse nulla. Erano stanchi di un sistema strafottente e irriverente. Irrispettoso del mandato elettorale. Hanno scelto di cambiare affidandosi a due nuovi “paladini”.  Beninteso, non avevano certezze, ma l’unica era quella d’impedire l’accordo più volte smentito, ma sempre latente di una maggioranza che accordasse il vecchio resistente e il nuovo arrogante.

E così hanno auspicato, voluto, votato  una nuova alleanza. Hanno tifato perché Di Maio e Salvini suggellassero con un bacio il matrimonio.

Ieri le camere hanno avuto i loro presidenti. Domani cominceranno le consultazioni del Presidente Mattarella. Il travaglio potrebbe non essere lungo e faticoso e festeggiare l’arrivo del “nuovo che avanza”. Con la vecchiaia si apprezzano altri piaceri e forse qualcuno ha pensato che il vecchio resistente volesse accontentarsi di guardare e  invece… A tutti quelli che contestavano il metodo delle leggi ad personam ne ha proposto l’ispiratrice collocandola alla seconda carica dello Stato. Il suo fedele amico avrebbe commentato rivolto alle stelle: che figura di mmmm…

Prendiamone atto: l’Italia stà cambiando! Se lo ripetono quei sinistri pentiti che hanno votato per il cambiamento e se per il “regalo pasquale” dovessero essere stanchi della solita colomba, quest’anno hanno l’opportunità di cambiare uccello. Auguri…

Kamanghe

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento