Sono sempre stata apprezzata e stimata per il mio lavoro

 

Il 2017 inizierà con una donna alla guida dei Musei Vaticani. ” Sono sempre stata apprezzata e stimata per il mio lavoro e di questo ne sono grata”. Queste le parole di Barbara Jatta, appena nominata direttore dei Musei Vaticani, la prima donna nella storia alla guida di uno dei musei più visitati al mondo. E’ stata chiamata a sostituire Antonio Paolucci alla guida dei Vaticani direttamente da papa Francesco, nominandola già da giugno vice-direttore. “Mi reputo una professionista  ho sempre cercato l’armonia tra le persone e le cose, lo farò anche con il mio nuovo incarico, seguendo la strada aperta da Paolucci sulla conservazione preventiva e la manutenzione ordinaria”.

Barbara Jatta, si è laureata in Lettere con una tesi in Storia del disegno, dell’ incisione e della grafica nel 1986 presso l’Università “La Sapienza” di Roma e nello stesso ateneo si è specializzata in Storia dell’Arte nel 1991. Ha intrapreso diversi tirocini di specializzazione all’estero, in Inghilterra, in Portogallo e negli Stati Uniti.  Dal 1994 è titolare del corso di Storia delle tecniche e delle arti grafiche presso la facoltà di Lettere dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.Dal 1996 è Responsabile del Gabinetto delle Stampe della Biblioteca Apostolica Vaticana presso la quale è anche Membro della Commissione Mostre, della Commissione Accessioni, della Commissione Acquisti e della Commissione delle Catalogazioni.Nel 2005 è  stata cooptata nel Gruppo dei Romanisti. L’8 settembre del 2010 il Santo Padre Benedetto XVI  l’ ha nominata Curatore delle Stampe presso la Biblioteca ApostolicaVaticana. Nel giugno scorso è stata trasferita dalla Biblioteca Apostolica Vaticana alla Direzione dei Musei Vaticani, con l’incarico di Vice-Direttore. Nel 2011 ha personalmente la realizzazione della mostra e il catalogo “Giovanni paolo II, Un omaggio di Benedetto XVI in occasione della beatificazione“, Città del Vaticano, Braccio di Carlo Magno, 2011.

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento