s’è sciolta la neve…

Il caldo prima o poi doveva arrivare in  questa strana stagione. Arrivando  ha sciolto la neve facendo emergere tutto ciò che nascondeva.

I “civici per caso”, quelli del “noi siamo diversi”, da chi e da cosa resta tutto da scoprire, s’erano nascosti e organizzati(si fa per dire). Un simbolo in  fondo non è difficile da disegnare per scendere in campo e tentare di conquistare uno scranno. E chi sa quanto sarà costato costruire un claim che potesse incuriosire e persino convincere gli sprovveduti. Così si comincia riempendo un cinema e si finisce seduti ai tavolini di un bar…Cosa non si farebbe per diventare Sindaco? Mai pensato per davvero. Ma trentadue candidati più il candidato sindaco è meglio che  da solo per tentare di conquistare uno scranno di consigliere comunale.

Quando però la lotta si fa dura e scendono in campo i 5 stelle con il loro indiscutibile peso elettorale l’indipendenza da tutti i partiti gridata e ostentata, va rapidamente ridimensionata. “Occorre invertire la rotta” suggerisce lo “stratega coordinatore”.  Meglio mettersi sotto protezione. Comincia il giro delle sette chiese: chi offre di più? Chi mi  da garanzie? A chi e che cosa è facile da intuire. Basta prendersi un caffè e firmare “una cambiale” magari in bianco. Per pagarla c’è sempre tempo… Chi seriamente ti dice: “non sono abituato a firmare cambiali in bianco” assolutamente non va bene…

Poi c’è chi si ferma un giro. Forse è meglio per riordinare le idee. La colpa non è la sua ma di chi gliele ha confuse rendendolo una maionese impazzita. Quella va buttata e bisogna rifarla con nuovi ingredienti. Ma molti elettori che pazienti hanno aspettato che la maionese montasse pare si siano rotti i coglioni: il colesterolo si è alzato, meglio fare a meno della maionese.

I personaggi che manovrano nell’ombra sono sempre gli stessi. In cerca d’autore? Per loro la posta è un po’ più alta. Sarebbe meglio e più comprensibile dire per i cazzi loro.  Perché in fin dei conti le sorti di questa città e del suo futuro interessa a pochi. A quei personaggi interessa solo preparare il terreno per assicurarsi  uno scranno in parlamento. Alcuni poi decideranno di votare i decreti salva-ilva. Altri quel giorno arriveranno in ritardo per non votarli. E la città inesorabilmente continuerà ad andare a puttane. Per la verità scarseggiano anche quelle perché di moneta in giro ce n’è poca. E qualcuno scoprirà l’acqua calda: l’uomo venuto da via Capruzzi è la garanzia per tutti. Peccato che non lo sia nemmeno per via Capruzzi. Ma questa è un altra storia. Anche da quelle parti presto la neve si scioglierà…

Qualcuno continua a chiedermi: ma tu con chi stai? La risposta è semplice: Con quelli che una faccia da difendere ancora ce l’hanno. Sono quelli che la scelta l’hanno fatta sul serio! E v’illudete se pensate che non siano sufficienti. In ogni caso sono gli unici che possono contrastare seriamente il definitivo “salto nel buio”…

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento