Reddito di cittadinanza: a chi rivolgersi per le domande?

Di Mario Guadagnolo.

 

Il telefono squilla insistentemente di primo mattino. Dopo qualche resistenza a tirarmi giù dal letto mi decido a rispondere:

Io- Pronto chi parla?

Mbà Cosimino-Prondo Prufessò? Prufessò  stoche ndà merd!

Io- Cosimo non temere…da alcuni giorni siamo tutti nella mmm…

Mbà Cosimino-Prufessore mie tu chiame  l’autospurghe che t’aggiuste l’intasamente, Mimino tue t’acchiamate appusitie ka assignerie sì l’autospurghe mie…

Io- Cosimo non capisco come posso aiutarti.

Mbà Cosimino- vake spirto per uno stumpato.

Io- e giuste da me u uè kianne. Mimì ma come t’è azate stamatine?

Mbà Cosimino- ie m’avere azate giuste professore mie. E’ figghieme Melina ka a prima matina m’ha fatte fa a croce a mmerse: do figghie u marite desoccupate s’à precipitate a casa mea e m’à ditte ka vole nu stumpate

Io- Mimmo non so come posso aiutarti. Non so cosa voglia tua figlia. Lo stumpato io non lo conosco.

Mba Cosimino- e ka manche io l’accanosce, ce no miche teneve bbbesogne d’assignerie. Quelle m’ha dette: “papà tu ca tiene l’amicizie cu le capuzzune come u sinneche Guatagnole  e u biondo Vendurlino fatte dicere come se pigghène  le 1650 euro d’a cittadinanze ka a nu ne spette e ne l’honne dddà!!!

Io- Cosimo comincio a capire… tua figlia vorrebbe il reddito di cittadinanza? Ma tu sai che questa è una proposta del programma elettorale del M5S?

Mbà Cosimino-eccerte che lo saccio, ma quelle, Melina, m’ha ditte che vuole lo stumpato per fare la domanda…ka l’honne ditte alla tilivisiona. Iedde dice ka l’ha viste cu l’uecchie sue e l’ha sendute cu le recchie sue ca le famigghie ca so disoccupate e tenene do figgh onne avè 1650 euro o mese e ci fatie e pigghie de mene addà pigghià a defferenza…

Io-sta bene tua figlia ad aspettare…

Mbà Cosimino-Prufessò io ho cercato di convincere mia figlia ca no è pe mò ma quedde u vote sue l’ha date e quedde è come a na cambiale ka scade…

Io- Cosimo prima devono fare il governo e poi Di Maio potrebbe mantenere la promessa

Mbà Cosimino-Potrebbe? Piccè ste qualche dubbio ca non l’onne a dà le solde a le puveridde come onne prumise? ” E mo ci u ve dice a Melina e au marite  ka è na pigghiata pu cule??!

Io-Mbà Cosimino non ho detto che non li devono dare. Io mi auguro, spero per te e tua figlia e pe tutte le puveridde che ci hanno creduto ma prima devono fare il governo e poi potranno mantenere le promesse e comunque Di Maio ha detto che ci vorranno un paio di anni per riformare i centri per l’impiego e poi si potrà cominciare a pensare al reddito di cittadinanza.

Mbà Cosimino- siente prufessò ie suse alle prumesse de Di Maio nu m’avesse sciukate manche n’ù sorde bucate. Ma figghieme Meline, u marite, le figghie a menzadie venene a mangiane a casa mea ka è casa granne. Tenene bbbesogne prufessò, allore tu osce a die o me de ste cazze de stumpate pe fa a domande o me dè l’indirizze de case dell’amice tue grelline come a Piere Cavule, ka da osce Meline le figghie e u marite vonne e mangene a casa soie ce no le fazze vedè ie le stelle e t’assecure prufessò ka so chiu de cinke…

Mario GUADAGNOLO

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento