PIG FOR PRESIDENT

maialeChe orrore disgustoso le parole di Trump sulle donne! L’America tutta si ribella a tale indegnità e anche noi italiani siamo tutti schifati, forse non tanto per quello che ha detto ma perché lo ha detto. Perché, santo figliolo, la buona morale insegna che certe cose si fanno ma non si dicono. Tu, biondo Trump, vuoi fare il Presidente degli USA e non sai che il Presidente deve essere tutto casa e chiesa, pace e bene, con famiglia tipo Mulino Bianco?

Almeno in pubblico. Poi in privato fai che cazzo vuoi. Perché gli americani ai presidenti puttanieri e mandrilli dovrebbero esserci abituati: da Kennedy a Clinton non è che fossero proprio monaci di clausura e la Casa Bianca, se fosse in Italia, sarebbe già chiusa per la legge Merlin.

Che ha detto Trump? Che chi ha soldi e potere alle donne può fare quel che vuole. Non a tutte forse (escluse le sante madri, mogli, sorelle e figlie dei miei pochi lettori), ma a buona parte sì. Embè, che c’è di nuovo? Dall’antichità ad oggi l’hanno detto ripetutamente tante menti illustri, che per certe cose occorrono prima i soldi sul bancone e poi…

E’ vizio comune dei potenti, da sempre, perché il potere affascina, seduce, convince. Lo sapeva bene il nostro buon Silvio che largamente e con munificenza ai suoi ospiti politici importanti, soprattutto stranieri, offriva la compagnia delle fragili e candide olgettine, forse minorenni ma già con patente da troie. E quelli non rifiutavano certo.

I nostri Presidenti della Repubblica si salvano da questa piaga (forse non tutti) perché in genere eletti in una età in cui i piaceri della carne non entusiasmano più, e poi la prostata…

E allora è giusto che Trump rinunci alla sua candidatura, perché è un fesso, perché non ha capito che gli americani non gradiscono che un presidente dica quel che tutti fanno in privato ma non dicono in pubblico. La morale, santiddio! Tanto se sei cattolico ti confessi e passa la paura, se sei luterano all’Inferno ci andrai comunque, ma dopo; se sei dell’Islam in Paradiso ti attendono le sette vergini, che poi sono le olgettine di lì.

Odisseo

FacebookTwitterGoogle+

2 pensieri su “PIG FOR PRESIDENT

Lascia un commento