Per sempre…

scheletri abbracciati

Erano li da duemila anni. Il primo posizionato frontalmente, il secono di profilo. Poggiati uno sopra l’altro. La scoperta è avvenuta a Taranto nel corso degli scavi effettuati dall’Acquedotto Pugliese. Capita spesso in questa città ricca di una storia plurimillenaria. L’unica cosa certa è che la tomba risale al VI secolo a.C. Qualcuno si è affrettato precisare che non si conosce il sesso dei due corpi e che pottrebbero essere stati sepolti in tempi diversi. Come dire che non c’è certezza su nulla…

Ma a noi piace immaginare che fossero abbracciati. I loro resti documentano un sentimento antico quanto l’uomo. Non importa il sesso, ciò che conta è che l’amore ha resistito per duemila anni. Perchè non crederci? Perchè dividerli…

 

 

 

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento