Panchinarossa per ricordare Federica ed Andrea

Venerdì 22 luglio alle ore 19,00 l’Avo, Associazione Volontari Ospedalieri Onlus e Alzàia Onlus di Taranto in Piazza della Vittoria, in ricordo di Federica e del piccolo Andrea, presenteranno la “panchina rossa”, simbolo della lotta alla violenza sulle donne.
Rita ed Enzo, genitori di Federica, saranno accompagnati dalle amiche di Federica che leggeranno una lettera a lei dedicata  e Claudio Leone che ha generosamente collaborato con le nostre associazioni all’iniziativa.

Silvia Quero, autrice dell’opera con le ragazze e i ragazzi di Teleperfomance hanno scelto e leggeranno i pensieri che  i lavoratori di Teleperformance, attraverso “APPia”, la intranet aziendale,  hanno voluto dedicare sul muro virtuale previsto all’interno della community scrivendo a @TP_Italia o tramite l’hashtag nell’ambito dell’iniziativa di sensibilizzazione #TPDICENOALFEMMINICIDIO.

Tutte le Associazioni e coloro che hanno preso parte alla fiaccolata del 7 luglio scorso, sono invitati a partecipare. Anche i simboli, come questa panchina, possono aiutare le donne ad alzare la testa e a trovare il coraggio necessario per difendersi denunciando violenze e soprusi. Nel nome di Federica e del piccolo Andrea continueremo a batterci perchè una legge, la più rigorosa, non basta a spezzare la catena se non riusciamo a demolire  il muro del silenzio e dell’omertà che rende ancor più sole le donne.

FacebookTwitterGoogle+

3 pensieri su “Panchinarossa per ricordare Federica ed Andrea

  1. Possa diventare quella panchina, per tutti coloro che passano o sostano, un momento di riflessione su tutte le “Federica” che hanno subito, che subiscono o che potrebbero subire in futuro violenza tra le mura domestiche.
    Quelle mura che dovrebbero abbracciare e proteggere ogni individuo.

    1. Quelle mura che spesso “nascondono” non sono le sole. Si accompagnano al muto dell’omertà, dei silenzi colpevoli, dei falsi pudori che tendono a nascondere atroci verità. Sono questi i muri che dobbiamo abbattere e quelle panchine servono a ricordarcelo…

Lascia un commento