Mbà Cosimino a Piri Piri

Come sapete (ma perché poi dovreste saperlo? A chi vuoi che la cosa possa fregare?!) io ho una casa al mare in una località bellissima e dal nome esotico a quattro chilometri da Campomarino che si chiama Piri Piri. A questo posto i Caraibi gli fanno un baffo. La casa è circondata da una folta pineta e spesso vengono amici a trovarmi. E’ il mio buen retiro estivo dove mi ritrovo insieme alla mia famiglia e ai miei nipotini e dove scrivo, leggo e ricevo la visita di qualche amico con cui passo qualche serata in amabili conversari e cazzeggiando sulle cose del mondo. Bene, l’altra sera me ne stavo spaparanzato su un dondolo a leggere un libro quando sul cancello indovinate chi mi vedo? Mbà Cosimino con al braccio la sua adorata cummà Memena. Mbà Cosimo indossa un paio di bermude ottenute da un jeans tagliato al ginocchio, una canotta alla pescatora e un cappellino per ripararsi dal sole. Memena invece un bel prendisole a fiori anni ’50 scollato al punto giusto. Sobbalzo letteralmente sul dondolo e vado incontro al mio amico di sempre

Io-mbà Cosimino che bella sorpresa! Come hai fatto a sapere che sto qua.

Mbà Cosimino-me l’ha ditte l’amiche  tue Rundenelle k’agghia akkiate susa a littoranea ku a beceglette.

Io- e che andava facendo Pinuccio in bicicletta?

Mbà Cosimino-Purtave jindre a na ceste nu tremmone ka sceve decenne: “telefono casa”…s’avere perse e vuleve turnà a via caprette a Bare.

Io- considerate le dimensioni di Pinuccio e di Michelone la bicicletta doveva avere le ruote di un camion…comunque hai avuto una bella idea. Non sai quanto piacere mi fa rivederti perché con le ferie ci si è un po’ persi di vista

Mbà Cosimino-Pure a me me face piacere. Mi ho permesso di portare con me la mia signora Memena pe fartela accanoscere

Io- Signora Memena è proprio un piacere conoscerla

Cummà Memena-piacere della canoscenza prufessò. Cosimino mi parla sempre di voi.

Io-Beh Cosimino come va? Che si dice a Taranto? La politica? Mba Cosimino- A Tarde face nu cavete ca se squagghie! A puliteche? E ce s’ha da dicere prufessò? U sinneche ste face tutte de mestre. Me sape ka ce cuntinue accussì dure picche

Io- mbà Cosimoma che mi dici avevamo riposto in lui le nostre speranze…

Mbà Cosimino-prufessò ie no sacce tu ce avive purtate a poste ma avesse state megghie ce nvece de purtarle a poste l’avisse mise sotto u matarazze comme face Memena mea… da quanne ha state elette quiste ste face de capa soa e sa mise contre  tutte quanne…

Io- ma è giusto che il sindaco decida lui. A lui spettano le decisioni.

Mbà Cosimino- prufessò che cazze ste dice, quiste sta face na puttanate rete all’otre: prima ha numenate l’amice sue, ka sò l’amice de Mechele Miliane e Pelille

Io- be credo che dovesse mostrare la sua gratitudine a Emiliano che lo ha sostenuto.

Mbà Cosimino- prufessò ma chidde ka l’honne vutate a tarde no sò amici sue? Quidde ve dicenne k’adda responnere sule agli elettori, ma l’adda scè kkià ku lanternine tante picche sò. Prufessò quidde tene kiù cule ka sentemente…

Io- Cosimo mio è presto per trarre giudizi. Bisogna essere prudenti e dargli del tempo per simostrare le sue capacità e quella dei suoi uomini…

Mbà Cosimino- Guadagnò tu è fatte u sinnache: avisse mai numenate nu vicesinneche Barese?

Io- se lo avessi fatto i tarantini mi avrebbero spaccato il…

Mbà Cosimino_ è capite bbuene quidde ve già camenanne ku le mutande de firre! Ma parlame de cose belle. E tu ce ste face a qua. No te ruempe le palle a sta sembe cu a panza all’arie?

Io-No mbà Cosimino io scrivo, leggo, gioco con i miei nipotini, li porto al mare e facciamo belle passeggiate in bicicletta

Mbà Cosimino- Tu ste sempre a scrivere ste! e mo ce ste scrive? Ma ce cazz scrive a fa’ tand le libre ca scrive non le legge nisciune. Invece face buene a sta cu le piccinne ca so a megghia cose

Io rivolgendomi a cummà Mmena-E lei signora Memena che mi racconta di bello? Sta andando al mare?

Cummà Memena-Com’è ca no voche a mare? Io vado a Lido Bruno ca se po scè cu pulmàn e non se paie ninde

Io-ha visto la nuova moda dei costumi da bagno?

Cummà Memena-ca no l’agghie viste! Prufessò è na schifezza. Tutte ste uagnedde cu cule da fore!

Io-perché lei che costume da bagno usa?

Cummà Memena-Io uso un costume intero come si mettono le persone serie. Io quei brachessini a filo di culo non li metterebbe mai primo perché non c’ho il fisico né l’età e poi perché se io li metterebbe Cosimino mi facesse una caricata di mazzate.

Chiedo a mia moglie di preparare un drink per Cosimino e signora

Mbà Cosimino-prufessà ce trinc e trinc! A me m’a fa purtà na birra senza bicchiere

Io- e a lei signora Memena?

Cummà Memena-io gradirebbe una rangiata Fande La conversazione continua mentre cummà Memena beve il suo bicchiere di Fanta con grazie e delicatezza e mbà Cosimino gusta la sua birra ghiacciata direttamente dalla bottiglia.

E tra un sorso e l’altro con la sua tagliente ironia ritornando sulla politica sussurra: prufessò ce fessarie hamme fatte ku stu Rinalde …ma tu ce dice u vede u panettone??? Comunque quedda ceste Rundenelle ha ditte ka a stè scè scettave jindre a nu cassunette!!!

 

Mario GUADAGNOLO

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento