Mbà Cosimino: meggh ca no l’è ditte ca si amiche mie

di Mario Guadagnolo.

Stavolta incontro mbà Cosimino vicino al giornalaio intento a guardare le figure della prima pagina della Gazzetta.

Mbà Cosimino-Prufessò te l’ha ditte u biondo?

Io-Che cosa mbà Cosimo?

Mbà Cosimino-Come che cosa? U fatte d’a via ca t’onne ntestà a Tarde?

Io-Si me l’ha detto. Tu gli hai detto di consigliarmi di rivolgermi al sindaco Melucci ed io l’ho fatto. Sono andato a palazzo di città e dopo tanti inutili tentativi e attese in anticamera mi ha ricevuto

Mbà Cosimino-E mbè ce cosa t’ha ditte?

Io-Andiamo con ordine. Gli ho detto  “ Caro signor Sindaco,  mi faccio interprete della volontà di alcuni cittadini che vorrebbero che il Comune mi intestasse una via

Mbà Cosimino-e Meluccio ce t’à risposto?

Io-Mi ha detto che  non se ne parla nemmeno e che non è possibile nel modo più assoluto. Che avrei dovuto rivolgermi a Claretta.

Mbà Cosimino-e piccè?Ka miche stame ancora alle tiempe de Musuline ka servive a raccomandazione d’a Pitacce p’arrevà a u duce…

Io-cazzocentra il Duce e la Petacci. Melucci credo si riferisse ad una Claretta più recente…

Mbà Cosimino-prufessò io quelle Clarette mpurtande accanosce ka puteve alle tiembe sue convincere ci cummannave…E’ vero però ka ogne tiempe se porte apprisse le Clarenette sue…

Io- Cosimino stai come al solito facendo confusione fra periodi e persone. Melucci credo si riferisse a Claretta Assessore alla toponomastica.

 Mbà Cosimino- prufessò mo vide quanta ngegne tinemi nuie  a Tarde nuestre: le vicchiaridde comme a me stonne accise cu le diente e no ponne mastekà.. u sinnake ha penzate  n’assessore ka stè studie pe pigghia a muezzeche le sciurge ka so assaie…

Io-Cosimino non dobbiammo mangiare i topi! to·po·no·mà·sti·ca: è lo Studio dei nomi di luogo, sotto l’aspetto dell’origine, della formazione, della distribuzione, del significato tipologico e storico. La maniera in cui i nomi di luogo vengono formati o si evolvono e trasformano, sia nella parte fonetica che in quella morfologica della parola. Anche io in passato me ne sono occupato scrivendo un libro, una ricerca toponomastica, onomastica e antroponimica sulle strade di Taranto (Ci rinuncio. Mi accorgo di aver perso l’attenzione del mio interlocutore che ha ripreso a guardare le figure del giornale)… Funiciello si chiama l’assessore che ai tempi della giunta DiBello presiedeva la commissione Toponomastica per la denominazione delle strade. Pare che in quei tempi si sia fatta qualche eccezione alla regola dedicando strade alla “memoria” di personaggi illustri e meno illustri e in qualche caso ancora “circolanti”. Ma credo che quella di Melucci sia una scusa…

Mbà Cosimino- aaaa quinde Melucce t’ha chieste scuse…

Io-ma quali scuse Cosimino!?! Quello dice che io scrivo su quel giornalaccio de Lamalalingua e che lo prendo sempre per il culo. Per cui niente da fare!

Mbà Cosimino-E te l’avive aspettà cigghiacule ka  no si otre! Tu e quidd’otre malasurtate du biondo v’addivertite a pigghia pu cule a tutti e in particolare a Meluccio e mo vuè ca quidde te dedeke na via proprio a te? Qu na mane nanze e l’otra rete vagghia vedè a tutte e doie mienze a na strada nfosa…

Io-vabbè ma la libertà, la democrazia, quello che ho fatto per la città?

Mbà Cosimino-ma ce ste ddice prufessò? Ci tu sfutte semb a mazz a San Giseppe po vuè ca San Giseppe è cundende e vuè ca pure t’àdda alliscià?

Io-Vabbè però l’ironia è il sale della terra. Se nella vita non ci fosse l’ironia sarebbe una tristezza infinita

Mbà Cosimino-Ma ce cazze ste dice prufessò??!!Ma l’è capite o no che l’ironia e la libertà sò caramelle che solo gli intenditori capiscono? E pe capirle no ce vò mica a laura o a cultura basta u cervidde…

Io-Questo è vero. Ma forse ho sbagliato. Se gli avessi detto che la volontà che la città mi dedichi una via l’ha espressa anche mbà Cosimino che mi vuole molto bene forse avrebbe acconsentito.

Mbà Cosimino-See! Ste bell tu! Mai siaaa! Ci l’avesse ditte ca si amiche mie non sule t’avesse ditte u stesse no, ma t’avesse proprie mannate a ffangule. Se ce cose stok’è pense? Ie, Assegnerie e u Bionde nammafà preparà nu cartelle grusse nanta a San Brunone ka da mo a cient’anne a ce trase l’adda leggere: mo’ stonn’ekakene u’ kazze aqquà…

Mario GUADAGNOLO

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento