Il mantra della discontinuità…

Ma kekazze ste cumbenate?

E’ il suo modo d’esprimersi: colorito e diretto. Mbà Cosimino non conosce il politichese. Fingo d’ignorare l’oggetto della sua curiosità.

Io- caro Mimino cosa staremmo combinando?

Mbà Cosimino- No fa u stuedeche pe no scè a uerre. E’ capite buene cu ciatenghe. Vogghie cu capisce ce stè cumbanate in Consiglie Comunale. Osce l’avite salvate n’otra vote. Cu ce state?

Io- hai bisogno di chiederlo a me? Il tuo amico professore non ti dice nulla?

Mbà Cosimino- quidde se ni esse sempe ku le culacchie de storie…dice: “va capisce ce ste cumbine u bionde”…

Io- Mbà Mimì u professore ste face viecchie ma le piace ancore fa u piccinne…

Mbà Cosimino- e ie a te stoke a dumanne pe canoscere  u giuste…cunzume me, no te terà a cazette dimme u fatte accome stè?

Io – stiamo facendo prevalere il nostro senso di responsabilità a costo di passare per “utili idioti” …

Mbà Cosimino- U biò parle terra terra pe te fa capì, no fa u felosefe!

Io- bene, allorà ti dico ka ste facime le conzagraste.

Mbà Cosimino- e quidde è u mestiere vuestre ka sapite fa bbuene, ma Tarde ste more e no stonne pezze k’avastene pe arrepezzà le bochere…

Io – Wath’z arrepezzà?

Mbà Cosimino- naaa allore è vere ka ste devendate tutte nglise come u sinneche! Parle come quanne stive a piazza San Francesche pe te fa capì!

Io – La nave per navigare ha bisogno di riparare le falle e noi ci stiamo mettendo le pezze, ma non basta. La nave non può navigare a vista. Ha bisogno di una rotta condivisa e di un buon equipaggio altrimenti rischia d’incagliarsi o di affondare con il suo comandante.

Mbà Cosimino- E mo ve ste accurgite ka a nave face acque? Stame apposte!!!

Io-Veramente noi  tutte le nostre perplessità le abbiamo espresse al primo turno e non siamo stati compresi e premiati. Poi abbiamo voluto con forza l’apparentamento che ha consentito a Melucci grazie a noi e a tutti coloro che l’hanno sostenuto di diventare Sindaco. Noi abbiamo dichiarato da subito che nonostante la vittoria il risultato doveva considerarsi modesto e che il massimo sforzo andava compiuto per restituire fiducia ai tarantini che si erano astenuti dal voto. Ma il Pd ha peccato come al solito di arroganza e presunzione volendo distribuire al suo interno il “potere”.

Mbà Cosimino- è storia vecchie ka kanuscemme bbuene e vu v’avite fatte purtà a capezze…

Io- No Mimino qua sbagli: nisciuna capezze. Lo stesso Melucci ci ha dato atto che siamo gli unici a non aver mai preteso di occupare “posti” pur disponendo di   figure di riconosciuta competenza amministrativa, esperienza politica  e conoscenza del territorio. Noi vogliamo intenderci sul percorso, sulle scelte, sulle priorità che devono essere condivise. Abbiamo molto da dire e da proporre sempre ché ce ne sia data la possibilità. Altrimenti in consiglio decideremo di volta in volta. Oggi manca, e non per nostra responsabilità, un clima che favorisca lo spirito di condivisione e appartenenza.

Mbà Cosimino- ma chidde vonne decenne ka ku l’apparendamente v’honne rialate quatte poste in Consiglie.

Io- e menumale ka stonne chidde quatte Consigliere, ce no se n’avessere già sciute a case l’unece du Pd. Mimì, n’avessere appezzecà nu cere a San Catavete. E comunque con l’apparentamento noi ne abbiamo presi quattro e loro undici e il Sindaco. Senza apparentamento non avremmo eletto Melucci e saremmo stati tutti fuori o quasi…

Mbà Cosimino-Agghie capite quidde ka uè cu dice ma u sinneche l’ha capite bbuene u fatte? Penze d’assersene ku a pacche suse a spalle de Pierine nueste decenne ka vu site le mugghie, ma po’?

Io – noi aspettiamo di conoscere e  discutere la rotta per poterla condividere altrimenti proseguiremo per la nostra strada.

Mbà Cosimino- Ma no putite turnà tutte indre u Pd?

Io-molti  di noi non sono mai appartenuti al Pd e tutti riteniamo che il Pd così com’è non rappresenti la risoluzione dei nostri problemi bensì il principale. Il congresso è lontano dai problemi della città che Melucci con la sua amministrazione è chiamato a risolvere. La contesa ancora una volta non riguarda la “visione” della città ma le ambizioni personali rispetto alle prossime scadenze elettorali. Noi intendiamo costruire un soggetto civico, un contenitore che metta insieme l’associazionismo politico culturale,sociale e che guardi concretamente al riscatto di Taranto e della nostra provincia. Anche tu caro Mimino potrai farne parte e dare il tuo contributo passionale da tarantino verace.

Mbà Cosimino- siende e spiegheme kekkazze volune cu dicene quanne parlene de discaunt? Honne aprè n’otre centre commerciale?

Io- Mimì ma quale discount. Discontinuità: sembra essere il mantra di questa giunta per distinguersi dal passato.

Mbà Cosimino- e ci è stu Mantra n’otre assessore k’ha mannate Miliane?

Io-Ma quale assessore. Il mantra è una formula sacra che viene invocata molte volte come pratica meditativa. La discontinuità piuttosto che essere invocata andrebbe praticata nei fatti. Invocarla serve solo ad indispettire quelli che sono appartenuti al passato e loro malgrado sono chiamati a garantire il presente.

Mbà Cosimino- M’è convinte! Mi aunisco a nuie in queste riscatte de Tarde Nueste e ve doche subbete nu cunsiglie: no chiamateve ccchiù Bene Comune. Ce cuntenuame d’accussì n’amme chiamà MISERICORDIA ka capace ka Meluccio u kapisce megghie. A pechere è toste ma k’u tiempe se coce.

E noi aspettiamo, ma il tempo passa e la pazienza non è infinita…

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento