Lisca Civica: “TARDE CILESTRAVIVE”, Capelisca Marc Polle: “La voce di Tardenueste”…

di Mario Guadagnolo

Sto andando con mia moglie al mercato della Salinella. Sapete io non appartengo a quei riccastri che vanno a comprare “in centro”. Mi serve un giubbino primaverile e ne ho adocchiato uno buono in finta pelle che costa pure poco 40 euro appena. Parcheggio la macchina e che ti vedo? Nel magazzino di fronte mbà Cosimino con alle spalle una grande fotografia di Marc Polle con le buste in mano e il fumetto che dice “A uè na bust pe Tarde cilestravive?”.

Io-mbà Cosimino allora è vero che ti vuoi presentare alle prossime elezioni?

Mbà Cosimino-ca tu ce te penzave ca te ste pigghiave pu cule?

Io-l’impegno per la propria città è meritorio

Mbà Cosimino-ma c’è maritorio e maritorio? Ca c’è m’agghi’a spusà? Aggh decise de presendà a lisca civica mea di me personalmende ma io no mi presend a sinnaco.

Io-vedo che il tuo capolista è il mitico Marc Polle. Ma Marc Polle poverino non è morto?

Mbà Cosimino-si certo che à muerte ma m’ha prumise ca pe le votazioni ha chiesto al Padreterno  di fare un’accezione e di poter scendere a Tard pe vedè di fare quarche cosa

Io-insomma una moratoria nelle legge della vita e della morte

Mbà Cosimino-no a rotatoria no piccè già ne stonn assai a Tard ca l’ha fatte Stefàne e le cristiane stonne a essene pacce…

Io-moratoria mbà Cosimo no rotatoria

Mbà Cosimino-e ce jè a moratoria

Io-troppo lungo spiegartelo mbà Cosimino. E come chiamerai la lista?

Mbà Cosimino-LISCA CIVICA-TARDE CILESTRAVIVE con la fotografia de mbà Marc Polle ca dice CILESTRAVIVE

Io-bel nome. Ma mi sembra un’anatema contro qualcuno

Mbà Cosimino-certo ca è na trema! Piccè ann’a tremà tutte quande. Io l’aggh chiamate Tarde ci lestravive piccè stoche ngazzate e l’aggh candà a graste a tutte une appi t’uno.

Io-immagino che per primo ce l’avrai con il pediatra

Mbà Cosimino-no mo ce ncentra u midieche de le piedi. Prufessò a qua ste parlame de pulitica. Ce cazze ncentrano mo le piedi?  No so se chiare il cocetto: è un precetto pulitico

Io-Pediatra è la specializzazione del sindaco Stefàno: medico che cura i bambini. Quanto al concetto che hai espresso se mai sarebbe un progetto politico, ma lassame perdere ka è megghie…

Mbà Cosimino-certamente ca accumemzame proprie d’o sinneche. CILESTRAVIVE a Stefàno ca no ha fatte nu cazze pe dece anne, ca ha cangiate n’assessore  a semana, ca ha ridotto sta città a na mmerd ca ce ve camenanne pe le strade gniske ad ogni pass ca face piccè le cane cacane nderr CILESTRAVIVE!!

Io-E poi c’è ancora qualche amministratore su cui indirizzerai i tuoi strali?

Mbà Cosimino-uè prufessò accume parli difficile stamatina! No parle accume t’à fatte mamete? Io cu le ministre no a tengo piccè chidd stonne a Roma e po’ come dici tu so strale e ce nc’entrane cu Tard?

Io-no volevo un’altra cosa. E poi con chi ce l’hai più.

Mbà Cosimino-a teng cu tutte l’assessore ca in tutti questi anni no hanno mannate mai affangule a Stefàno e onne ditte sembe sissignore CILESTRAVIVE a ognune de loro

Io-e gli altri candidati?

Mbà Cosimino-A Melucci l’aggh a dicere no fa u marenare ca Tarde de marinare ne tene già assai, a signora Baldassarre l’aggh a dicere “ma ce t’è mise ngape de fa a direttora du carcere pure cu le tarandine? A Bitetti l’aggh a dicere “uagliò mestre ce cape ka tine, no è mo k’a fucere a vede dope cè divinde sindache?” . A u candidate grilline no pozz dicere ninde piccè ancora no se canosce e già stonn a rombene u cazz…

Io-e a tutti agli altri? Sono tanti: 12, 13, 14…

Mbà Cosimino-arreterateve tutte ca no ste nind pe nisciune. Manghe jndre u cunziglie  cummunale trasite! Forse, forse, quacche carte sasciokene le tre “viecchie prufessure e cuncertine” k’honne scise da u paradise e s’accanoscene ku Marc Polle…

Io- e chi sarebbero questi tre professori?

Mbà Cosimino- honne fatte a lische de le giargianise mussulmane: u prufessore Pagane u prufessore Mazzafrese e l’archetette conzagraste…me sape ka l’honne cuncertate bbbuene u fatte: amme vedè disse u cecate!

Io-mbà Cosimino quella è la “Cultura del Borgo”, la massima espressione de l’intelligentia tarantina. Un mondo a te ignoto e sconosciuto… e comunque pensi che Marc Polle prenderà i voti necessari per salire le scale di Palazzo di Città

Mbà Cosimino-Mo questo no lo saccio e no lo posso addimandare. A salire le scale Marc Polle? è vecchiaridde e chine de acciacche. Jdde, ka è nu cigghiacule comme a nuie, è nu panaridde che vorrebbo allariare il panaro  a tutte l’otre durande u tumbagne lettorale e fa canoscere a tutte le puveridde de Tarde nueste  le puttanate ka vonne decenne…

Io-mi raccomando mbà Cosimo appena Marc Polle arriva chiamami che lo voglio salutare perché è un vecchio amico mio.

Mbà Cosimino- ammenza parol prufessò ca po’ Amedeo se n’à da scè subite. ka nu permesse  di un mese l’honne date. E pò se ne torne mparadise a ddò l’acchie na minestra cavete e do purpette,  aqquà nvece so tutte sparemazze e friddempittee. Addà u commerce de le buste vebbbuene: “a uè na buste?” ve decenne ancore…

Io- e in Paradiso lo sanno che i biglietti nelle buste sono falsi?

Mbà Cosimino- ma pecce le biglitte ka vonne danne a Tarde tutte le candedate cessò originale? vafangule prufessò…

 

 

 

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento