l’incivile confronto

aula-di-giurisprudenza

Nel pomeriggio a Bologna, Scuola di Giurisprudenza. Sta per cominciare l’assemblea quando fanno irruzione i ragazzi del collettivo Hobo

Da subito si mostrano ostili. Non vogliono il confronto, che altri ragazzi prendano la parola per esporre la propria opinione sulla riforma.

 Il microfono viene strappato di mano. Cominciano le urla e gli schiamazzi.

Quali sono i motivi di critica alla riforma? Non è possibile saperlo ne quali siano le ragioni di tutta questa ostilità.

L’evento viene sospeso.  È impossibile instaurare un confronto nel merito, nel rispetto reciproco delle parti.  

Hanno impedito ai tanti studenti presenti di parlare della riforma.

Quello che è successo oggi pomeriggio non fermerà l’entusiasmo di quei ragazzi. Continueranno con i volantinaggi e le iniziative a sostegno del SI, nel rispetto per l’opinione altrui, contrastando sempre ogni atteggiamento di stampo squadrista. La conoscenza, il civile confronto, il rispetto delle posizioni diverse sono i principi che distinguono i riformisti.

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento