La Terra di Pino

Comm’è triste e comm’è amaro st’assettato e guarda tutt’è cose, tutt’e parole ca niente pònno fa.  Si m’accir agg’jettato chellu poco ‘e libertà ca sta’ terra e sta’ gente ‘nu juorno m’adda rà…

Terra mia, terra mia, comm’è bello a la penzà.Terra mia, terra mia, comm’è bello a la guardà.

Nun è overo nun è sempre ‘o stesso tutt’e journe po’ cagnà, ogge è diritto, dimane è stuorto e chesta vita se ne va  ‘e vecchie vanno dinto a chiesia cu’ a curona pe’ prià e ‘a paura ‘e sta morte ca nun ce vo’ lassà…

Terra mia, terra mia, tu sì chiena ‘e libertà. Terra mia, terra mia, ì mò a siento ‘a libertà.

Era il 1977 e un giovanotto si permetteva di stravolgere, o se preferite rinnovare, il linguaggio della canzone napoletana.

Fu una leggenda insieme a un gruppo di giovani incazzati che decisero di rispolverare le glorie del conservatorio di S. Pietro a Majella e di tutta una scuola che nel corso degli anni aveva colto solo il linguaggio più classico e anche retrò dei tantissimi linguaggi musicali. Pino Daniele, Enzo Avitabile, James Senese, Joe Amoruso, Tullio De Piscopo, Rosario Jermano, Rino Zurzolo stavano compiendo quella rivoluzione che il popolo napoletano da tempo aspettava. Il sound di un chitarrista bluesman che travalica quei confini mai varcati. Un musicista capace di rinnovare una tradizione. Un successo che lo fece esplodere. Poi con Vai mò e Bella ‘mbriana inizia l’inversione di marcia. Pino Daniele il suo linguaggio blues riesce a imporlo sul sound internazionale. Tanti album, milioni di copie,  una carriera baciata dal successo, ma sempre distinta dalla semplicità e dalla modestia. L’incontro con tanti artisti internazionali e con Troisi.

La sera del 4 gennaio 2015, il cuore di Pino Daniele ha smesso di battere stroncato da un infarto. A tre anni da quella sera è viva la sua musica. La sua chitarra. I suoi testi. I suoi arrangiamenti che accompagnano la nostra vita di ogni giorno.

La paura di questa morte che ci accompagna porta i vecchi in chiesa a pregare con i loro rosari. Se mi uccido butto via anche quel poco di libertà che questa terra e questa gente un giorno mi dovrà dare. Perché la mia terra è la  libertà. Io ora la sento e sono libero…

E questa sera la sua Terra lo ricorderà al Borgo Marinari di Napoli con un flash mob: Le canzoni di Pino verranno intonate in coro in riva al mare, perché l’affetto dei napoletani attraverso il mare possa raggiungerlo ancora una volta.

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento