La gatta frettolosa fece i gattini ciechi…

Come tutti i proverbi, anche quelli sui gatti possono modificarsi nel tempo dando vita anche a divertenti reinterpretazioni. C’è infatti chi dice che quella lenta finì sotto una macchina, ma è solo la provocazione di chi considera la fretta meglio della pianificazione previdente. A guardare oltre le apparenze, quindi c’è anche un altro significato del proverbio: il commentatore che  giudichi senza riflettere arrivando alla sentenza prima di esaminare la situazione, si avventura ad esprimere qualcosa di molto superficiale e limitato. Al contrario dai nostri  amici gatti, che com’è noto amano poco l’acqua, Capitan Melucci, da navigato uomo di mare, credo sia ispirato dal codice della navigazione: “Il comandante, anche quando sia obbligato ad avvalersi del pilota, deve dirigere personalmente la manovra della nave all’entrata e all’uscita dei porti, dei canali, dei fiumi e in ogni circostanza in cui la navigazione presenti particolari difficoltà”. Tanto si evince chiaramente dal suo comunicato:
“Ringrazio la coalizione di centrosinistra e i gruppi che fanno riferimento a Piero Bitetti, Franco Sebastio e Massimo Brandimarte per il loro tempo e per questa importante settimana dedicata al dialogo, all’ascolto e al confronto. Mi riservo di fare le mie valutazioni guidato da un’unica stella polare: il bene della città.

Sono abituato a valutare solo i curriculum, ma mi rendo conto che stavolta la mia decisione comprende variabili che fanno riferimento anche a fattori di equilibrio politico e di governabilità.

In campagna elettorale ho parlato di competenze, ma ho anche riconosciuto ai partiti di essere agenzie fondamentali per la democrazia a patto che da qui nasca una rigenerazione degli stessi.

Non sono un rottamatore ad ogni costo, ma posso garantire fin da subito che non mi guiderà il Cencelli e che non farò lavoro di bilancino.

Grazie a quanti hanno rispettato il mio silenzio e il mio lavoro di inizio mandato.

La prossima settimana la dedicherò ai tavoli tecnici e ai rappresentanti delle opposizioni con i quali auspico un collaborazione costruttiva e serena.

Contemporaneamente continuerò a lavorare duramente come ho fatto dalla proclamazione, quindi non raccoglierò le polemiche di chi chiede gossip, vetrine e passerelle al sindaco; tutte modalità che non trovano l’accordo di questa nuova visione amministrativa.

La mia impostazione è quella di lavorare per risolvere questioni sul lungo termine, non per mettere la polvere sotto i tappeti per qualche settimana”.

Il Sindaco Rinaldo Melucci

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento