Il tramonto…

pelillo accompagnato
C’è sorte amare agghie ‘ngappate. Avesse suntute a Rondinelle ka m’aveve ditte “kange strade” no l’avvesse acchiate tutte ste strunze ka se l’honne pigghiate ku me… Penucce e Walter m’averene pure ditte de kangià “amice e cumpagne” ka chidde ka kumannene kummè me stonne a ruvinene…
Saranno stati momenti terribili. E chi sa quali pensieri avranno accompagnato quei passi scortati dalle forze dell’ordine. Forse il ricordo del tempo in cui il popolo in fila chiedeva d’incontrare “il potente” per consegnarli un appunto, una segnalazione. Ti faccio sapere. Fatti sentire… E s’honne fàtte sentè, eccome…non erano in molti per la strada a contestarlo, ma il gavettone quello davvero era inimmaginabile e insopportabile.
E kidde stonne a penzene a ci è kaddà sce o Parlamende o senate… a ci è kaddà nghianà a Regione…n’honne kapite ka sokkazze amare pe tute quande…
Une ka l’ha kapite e Mechele ‘u Barese. L’avere akkiate bbona a scuse: Renzi a Taranto? Non mi hanno invitato! E kidde da Prefetture invece l’honne chiamate scappanne e fucenne. Ma quidde è mafrone e no sa fatte futtè: “Da quanto mi sembra di capire per Taranto non c’è una lira in più, non so se è chiaro, sono tutti soldi che erano stati già stanziati dall’amministrazione precedente regionale e solo in piccola parte dai governi passati. Qui, oggi, abbiamo fatto solo un riepilogo, una ri-firma. ” e intante l’ha mannate a dottoresse accussi pò, mo c’accumenzene le uaie, non po dicere:  “un sapevo nulla” e quidd’otre l’ha mannate a dicere “oh Mihelone, un fà i bischero, un ti riesce mica di fa come chi lo metteva ni culo alla moglie pè serballe la fiha…

:
FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento