Il coprifuoco

roma-deserta

Me sto a fa du passi e numm’era mai succeso de nun vede nessuno pè strada…

Da Piazza der Popolo ho mboccato via der Corso e nun se vede n’ombra.

Via di Ripetta, della Croce, Borgognona, Frattina, della Vite: il deserto assoluto. Riprendo a scenne er corso fino a Piazza Colonna: Palazzo Chigi e Montecitorio so ar buio. M’affretto ansioso verso  piazza Venezia sperando de risveiarme dall’incubo.  Me pare d’esse nel Day after… Che sarà successo?

Un pizzardone de servizio, o armeno così pare, me guarda stranito ripetenno semo rovinati: Basta esse donna pe’ avé er segreto de falli beve e cojonalli tutti…

Da via der Teatro de Marcello finalmente le scale che salgono ar Campidoglio. Un vecchio fradicio e addormito me guarda e mpreca li mortacci sua!

De chi? ie chiedo.  Ma che è successo? Ndò sò nati tutti. Se so dati! me risponne. Se so dati dove? e perché? Se so rifugiati c’e er coprifuoco: la Raggi  sta pe fa un nome… se n’encula n’artro…meio stà a riparo. E tu perché nun te ripari e te mbriachi, Ma risponne: Io sò  Marcello Minenna ed ho giè dato. Nu me ponno fa più niente. Sotto ar cavallo de  Marco Aurelio ce trovi Raffaele e Salvatore , corpiti anche loro da stà nomina der cazzo.

Ogni volta che er sindaco dice che sta pe fa un nome, se metteno tutti a scappà, Roma se svuota e nun se capisce uncazzo

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento