i villici mucitoni e i loro complici si annidano ovunque…

“Ti do da abitare Saturo e la ricca Taranto e sarai il tormento degli Japigi” . L’oracolo era stato chiaro ma aveva taciuto all’ecista dei giovani  ‘Parthenii’ che avrebbe dovuto fare i conti con la resistenza dei barbari “mucetune” ben più agguerriti degli stessi Japigi tanto da essere sopravvissuti a  Falanto e ai suoi partheni…

Capita ancora oggi di scorgere sullo sfondo del Santuario della Sorgente’, per la pratica del culto della Dea Basilissa, le tracce di una persistente guerriglia condotta dagli indigini(?) incivili.

Un volenteroso e forse troppo ingenuo contemporaneo ha provato a far leva sulla “sacra memoria”: questa fu terra d’origine dei tarantini dove approdarono i coraggiosi figli illegittimi, ma indiscutibilmente coraggiosi colonizzatori della magna grecia. Ricordatelo quando impunemente abbandonate i vostri escrementi su questo suolo oltraggiandolo. Pur constatando che “le mucitune” si siano mostrati più figli illegittimi degli stessi partheni, ostentando i loro lordume, credo che la colpevole indifferenza delle istituzioni che amministrano “la fiorente cittadina turistica” debba essere messa di fronte alle sue oggettive responsabilità. Il servizio più che carente è inesistente! Materassi, elettrodomestici, set da bagno, mattonelle, residui di ristrutturazioni e di giardinaggio hanno accompagnato  le nostre passeggiate estive e sopravviveranno a noi insieme ai mucitoni che se ne sono disfatti  Molti cittadini civili e volenterosi conducono i loro differenziati rifiuti presso i più vicini (ma è solo un eufenismo) centri di raccolta, altri incivili e mucitoni preferiscono abbandonarli lungo la strada che li allontana dalla loro dimora. Impuniti e veri superstiti al colonizzatore Falanto. I villici mucitoni e i loro complici si annidano ovunque…

Ecista incazzato

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento