gli ipogei di via delle fogge

de gregorio

La paseggiata turistico-culturale di domenica 5 giugno a cura dell’associazione Nobilissima Taranto e della Pro Loco è dedicata a quegli ipogei ubicati lungo l’asse di via Paisiello, un tempo chiamata via delle fogge e che fra le diverse funzioni furono depositi ed impianti di lavorazione del grano. Gli usi molteplici che i tarantini hanno fatto cavando nel sottosuolo sono testimoniati in ogni epoca e hanno lasciato tracce anche nei toponimi delle vie. Un caso emblematico di questo sovrapporsi di utilizzo e di funzioni in epoche diverse di alcune cavità è offerto dalle vie (via Paisiello ex via delle fogge) e via Cava. La vecchia via delle fogge, come mostrano i recenti rinvenimenti e riscoperte di ambienti ipogei, ben prima dell’edificazione dei palazo soprastanti dovette essere disseminata da fosse del grano o per la conservazione delle derrate. Evidenze straordinarie sono rappresentate dagli ipogei di palazzo Baffi, Monticelli, Santamato, Stola, Bellacicco, hotel Sant’Andrea degli Armeni, hotel Akropolis, ex Seminario oggi Mu.Di, ipogeo Giudetti, ipogeo di vico Ospizio. il grande complesso granario nell’ipogeo dell’hotel Akropolis non è da escludere che ebbe una funzione pubblica a gestione annonaria, più volte militarizzato. Di converso, nella parte bassa, l’area prevalentemente rupestre di via Cava e aree limitrofe verso la Marina, venivano concentrate le attività legate alla produzione artigianale e manifatturiera (fornaci, concerie, attività artigianali varie, impianti di panificazione, attività piscaria). Parleremo dell’attività produttiva nell’isola riferendoci soprattutto ad un periodo che va dal 1300 al 1600 ed oltre. Lo faremo visitando gli ipogei con i relativi impianti granari di palazzo Santamato, dell’hotel Sant’Andrea degli Armeni, di Arco Paisiello, dell’hotel Akropolis, di vico I Seminario, di vico Ospizio. Chi lo volesse può anche visitare l’ipogeo di palazzo Baffi ove è possibile visitare i nuovi cunicoli da poco aperti alle visite. E’ previsto un contributo di euro 5. Appuntamento alle ore 10 in via Duomo 245 nei pressi del caffè letterario o all’ufficio turistico comunale nei pressi del castello aragonese. Per info 3274557909 – 3202521600 – 3493231596

 

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento