I fratelli Caponi: carta, calamaio e penna

Veniamo noi   con questa mia addirvi …

Tutto scontato: il  “Contratto con gli italiani” non poteva mancare. Silvio con la sua spalla pare abbia usato la stessa penna del 2001, quella con cui promise un milione di posti di lavoro, oggi s’impegna a portare entro la fine della legislatura il tasso di disoccupazione sotto la media. Scusate se sono poche, ma settecentomila lire ci fanno  specie che quest’anno, una parola, c’è stato una grande moria delle vacche come voi ben sapete…signorina… signorina… Dove sta?  Chi?  La signorina! Quale signorina!? Hai detto signorina? E’ entrata una signorina? E che ne so! Avanti! Animale! Signorina è l’intestazione autonoma, della lettera! Salutandovi indistintamente, i fratelli Caponi che siamo noi…apri una parente e dici che siamo noi, i fratelli Caponi. Hai aperto la parente? Chiudila!  

Vuole aggiungere qualcosa?  Senza nulla a pretendere….

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento