Franceschini chi ?

Dario Franceschini, Repubblica, oggi.

…. Renzi è uomo forte nel senso di uomo che decide. Se un altro di noi fosse stato al suo posto, me compreso, si sarebbe fermato sulla legge elettorale per non rompere il Pd o sulla riforma per evitare la frattura con Forza Italia, o sul Jobs act per tenere dentro la Cgil, sulla scuola per non rompere con gli insegnanti e sulle unioni civili per non litigare con la Chiesa. ….

Caro Dario, detta così, come la dici tu, ci sarebbe da sottoscrivere. Ma non è così. I professori cercavano, volevano, sognavano una riforma che spostasse al centro dei vostri cervelli il ruolo insegnante. Noi non siamo né casta né consorteria né lobby. Noi non siamo operai della trasmissione del sapere. Siamo ben altro. Ficcatelo in testa. Sul jobs act poi, ho l’impressione che elasticizzare, flessibilizzare, vaucerizzare non significhi affatto cambiare. Te ne accorgerai presto. Infine la chiesa. Se Pannella ha creato aborto e divorzio e nulla di eclatante è successo, be, cosa vuoi che sia sta cosuccia delle unioni civili ? Poco più di una sciocchezza simpatica. Dario, due anni di sciocchezze. Il sud è invece cosa seria, ILVA è cosa seria, gli investimenti pubblici massicci sulle infrastrutture sono cose serie. Un piano ambientale nazionale è cosa seria. Una conversione industriale ed energetica è cosa seria. Una forte ricerca è cosa seria. Tempo scaduto Dario. A ottobre vi mandiamo a casa. Il dopo ? Non lo so, ma credo che comunque sarà meglio di voi. Questo paese ha bisogno di politici veri non di boyscout né di venditori televisivi di pentole.IMG_20160530_140258

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento