I bambini del sisma

A view of collapsed and damaged houses in Pescara del Tronto, central Italy, 24 August 2016.  ANSA/CROCCHIONI

“Non volevano farmi passare perché era tutto pericolante, ma io ho detto che non me ne importava niente, che dovevo andare a cercarli”…Chi parla è un nonno disperato alla ricerca dei figli e della sua nipotina.

Le macerie hanno inghiottito decine di vite, tra cui quelle di tanti bambini, che sono stati sentiti urlare e piangere sotto i detriti, ricoperti di polvere come nelle immagini di guerra. Figli e nipoti felici, in vacanza dai nonni nei borghi lasciati dai più giovani in cerca di lavoro nelle città più grandi, a Roma o altrove. Deserti d’inverno, si ripopolano d’estate per il “turismo di ritorno. Piccoli centri. E’ qui che da ieri si svolge la Spoon river dei piccoli.

Una bimba di 10 anni intrappolata sotto le macerie per circa 15 ore è stata estratta viva. La sorella non ce l’ha fatta. Leone e Samuele, due fratellini di 7 e 4 anni sono stati estratti vivi dalle macerie a Pescara del Tronto. La nonna li ha salvati infilandoli insieme a lei sotto al letto. Anche la donna è stata successivamente estratta dalle macerie. Non ce l’ha fatta il nonno Vito. Ad Amatrice un altro bambino è estratto vivo dalle macerie della sua casa completamente distrutta, è stato trasportato in fin di vita d’urgenza a Roma in elicottero; del fratello gemello è stata invece recuperata la salma.

Marisol Piermarini, di soli 18 mesi è morta stanotte nel crollo della casa dove si trovava insieme al papà Massimiliano e alla mamma Martina Turco, una giovane abruzzese scampata al terremoto dell’Aquila nel 2009. Per questo la donna aveva deciso di trasferirsi ad Ascoli. E c’è un nonno che piange la nipotina: è stato lui la notte scorsa a raggiungere tra i primi l’abitazione della famigliola ad Arquata, purtroppo per la bambina non c’è stato nulla da fare racconta, disperato, Massimo Piermarini. Ci sono un bambino di 8 mesi, la vittima più piccola, il fratellino di 8 anni che se ne vanno via insieme per sempre ad Accumoli, e un maschietto di 4 anni, che ha trovato la morte ad Amatrice. E sempre qui si è compiuto il tragico destino di due gemellini di 7 anni, Simone e Andrea Serafini. Ad Amatrice è stato trovato morto il bambino di 11 anni che aveva chiesto aiuto da sotto le macerie.

Un “elenco” purtroppo incompleto di episodi che gridano con dolore: perché? Mettono a dura prova la fede con ogni fatua giustificazione…

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento