Abbiamo vinto

Nella dialettica politica ci può stare di tutto, poi si mette tutto da parte e si immaginano altri obbiettivi, magari più alti, più gratificanti. E’ successo di tutto e di più, anche insulti, minacce, offese gravi, messaggi stupidi e chi più ne ha più ne metta, ma io sono Giuseppe Rondinelli, Presidente di Liberdem, il più grande partito politico di Taranto con i suoi 27 mila voti presi ieri. Tutto perdonato. Così come non serve a un cazzo dire la solita stupida frase … avevamo ragione noi. E’ fotografata una situazione drammatica, il 70 per cento dei tarantini non ha votato. Questo è il punto politico da capire, sviscerare. Ci provo. Da un lato un movimento 5 stelle diviso e scomparso che non ha votato al ballottaggio. Da un altro lato i citiani, perdono 10.000 voti rispetto a 5 anni fa, una debacle, una caduta ormai irreversibile, un movimento morto e neanche loro sono andati a votare. Poi gli ambientalisti, un discorso a parte, che merita rispetto. Loro sono sempre stati coerenti e chiari, chiusura ILVA. Senza se e senza ma. Per loro Melucci e Baldassari sono, giustamente la stessa cosa sul piano della salute, entrambi favorevoli al mantenimento della grande industria. Ma questa, dico a loro,  era un’elezione di carattere amministrativo ed i temi sul tavolo erano tanti, dopo la mazzata dell’11 giugno avrebbero dovuto schierarsi comunque e non l’hanno fatto, decretando così la loro appartenenza alla non politica, al populismo, al qualunquismo, alla genericità. Poi i comunisti , puri, come solo mamma natura crea. Poveretti. Portatori illusi di una storia antica che è chiusa da trentanni. Prigionieri di un’utopia naif. Poi, infine, la fetta più grossa, i cosiddetti “cemmnfuttammè”. Almeno 40.000, tanti. Ma questo è un discorso lungo, complicato. Abbiamo vinto noi perché noi siamo la Politica e a comprenderlo sono stati 27.000 elettori, pochi. Rinaldo adesso ci proverà, non è detto che ce la faccia, dov’è scritto ?  Avrà bisogno inizialmente  di Politica vera, materia questa a lui, per sua stessa ammissione, sconosciuta. Noi , da padri nobili, senza deleghe ne incarichi, gli daremo una mano, se ce lo chiederà. Nello statuto di Liberdem non sono previsti ruoli amministrativi perché Liberdem fa politica, non amministrazione. La squadra degli eletti è buona, giovane e affidabile, ha esperienza da vendere e tanta onestà. Possono farcela. Taranto è solo un grosso condominio di 200.000 abitanti, se fai le cose onestamente bastano n ragionieri. Rinaldo saprà selezionarli. La Politica è ben altro. Adesso il Presidente va in ferie, poi comincerà a lavorare per esportare il concetto Liberdem in Provincia. Sarà un lavoro capillare e darà i suoi frutti alle prossime tornate elettorali nelle quali la parola d’ordine sarà “rinnovamento”. Largo ai giovani. Inizieremo anche una scuola di politica, come si faceva un tempo. In cattedra tutti i padri nobili di questa città. Inviteremo tutti. Anche l’Onorevole Cito.  Inviteremo anche l’Onorevole Pittella a  fare una lectio  magistralis   sul tema della politica europea , sperando che la faccia in inglese. Ahahahahah dai sto scherzando, ciao  Gianni, ca t uò spart u lamb …. ahahahahah

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento