‘A FAMIGGHIA PRIMA DI TUTTO!

A FAMIGGHIA

Diamogli tempo. Non è una minaccia, ma la ragionevole posizione di chi non aspetta il primo errore per giudicare. Le mie idee sul movimento 5 stelle sono note. Ho preso atto dell’orientamento degli elettori alle amministrative di Roma e Torino e aspetto per giudicare. Aspetto il tempo necessario che i sindaci eletti e gli assessori nominati comincino a mettere in pratica i loro programmi, le loro promesse. Senza affrettarmi in giudizi prevenuti. Io non ho fretta, io.

Loro invece un bel pò di fretta sembrano avercela, per sistemare parenti e affini. Mi direte che “ogni mondo è paese” ma qui siamo in presenza di “cose dell’altro mondo” che riescono a scandalizzare persino un reduce della prima repubblica. E’ in atto un assalto del “legame di sangue” al Campidoglio.
Legami di sangue, d’amore o d’amicizia pretendono una poltrona, e quindi uno stipendio. Storie da basso Impero: nel III municipio Giovanna Teodonio, moglie di Marcello De Vito, protetto della deputata Roberta Lombardi, viene “reclutata” come assessora alla Sicurezza del personale e Polizia locale. La fidanzata del consigliere comunale Enrico Stefàno, Veronica Mammì, uscente in VI municipio, è stata traslocata in VII, dove ha ricevuto la delega al Sociale anche per aggirare il tetto dei due mandati consecutivi. Così si salta un giro, ma si riscuote comunque un incarico, in attesa delle prossime consultazioni. L’assistente alla comunicazione del deputato Enrico Baroni, Mario Podeschi, viene nominato assessore al Sociale in V municipio e l’architetto Giacomo Giujusa – consulente per le tematiche ambientali dell’onorevole Vignaroli, compagno della senatrice Taverna conquista la delega all’Ambiente e Lavori pubblici in XI e Alfredo Campagna presidente in XIV vanta di essere compagno di scuola di Andrea Severini, marito separato di Virginia Raggi, che proprio in quel territorio risiede. Alla Garbatella-Montagnola il Consiglio municipale è “in famiglia”.  Nel parlamentino di via Benedetto Croce siedono madre e figlia: Teresa Leonardi (40 preferenze) ed Eleonora Chisena (91), ma anche padre e figlio: Giuseppe Morazzano (41 voti) e Luca Morazzano (34). La “famigghia” travalica il Grande raccordo anulare. A Genzano sono stati eletti Elena Mercuri e Luigi Nasoni, moglie e marito e anche la sorella della senatrice Fattori. Insomma vince la famigghia che con un po’ di organizzazione riesce ad assicurarsi uno o più stipendi assicurando alle coppie una sicura carriera. Daniele Diaco e Silvia Crescimanno fidanzati nel 2013, approfittarono della doppia preferenza di genere per diventare entrambi consiglieri, ora che si sono sposati lei è presidente del municipio, lui è salito in Campidoglio.
Giuseppe Rondelli è collaboratore e compagno della senatrice Vilma Moronese. La senatrice Barbara Lezzi fu invece costretta a licenziare la figlia del compagno che aveva assunto come portaborse. Il collega Andrea Cioffi come collaboratrice ha invece optato per Alessandra Manzin, fidanzata di Dario Adamo, uomo della Casaleggio e assistente di Rocco Casalino in Senato.
Poi ci sono i fratelli Cancellieri: Giancarlo, consigliere in Sicilia, Azzurra, deputata. Gli ormai ex grillini, madre – Ivana Simeoni, senatrice – e figlio, Cristian Iannuzzi, deputato. Gli amori nati sotto la costellazione pentastellata: i deputati Riccardo Nuti e Dalila Nesci, Matteo Mantero e Silvia Giordano, la senatrice Paola Taverna e Stefano Vignaroli, e Luigi Di Maio e Silvia Virgulti dietro un grande uomo c’è sempre una grande donna che, nel suo caso,  insegnandogli a “bucare lo schermo”, gli ha bucato il cuore.

Dal non partito minimizzano e tendono a tranquillizzare: altro che correnti, siamo una grande famiglia e
dovremo preoccuparci di stringere la cinghia. E’ possibile farlo velocemente. Ci ha pensato la senatrice Barbara Lezzi con il suo tweet trionfalistico:  Eliminate auto blu dei consiglieri romani! Peccato pero che le auto blu i conciglieri comunali non le hanno mai avute.

Le auto blu non ci sono mai state ma le facce di bronzo non mancano come pure le figure di m…

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento