L’amore di Attilio per Napoli lo troverete tutto in Pizzasleep…

All’uscita della funicolare “mi hanno fatto” il telefono. E’successo a Napoli ma mi sarebbe potuto succedere ovunque. Qualche attimo di smarrimento che non modifica il mio giudizio su una città che amo. E non venite a dirmi la solita “Napoli è bella, meno i napoletani”è una sciocchezza, un luogo comune abusato in ogni città. Napoli è bella con la sua gente.

Attilio è uno di loro. Ama Napoli profondamente. Smisuratamente. Quando ne parla, usando forse un po troppo il suo “trecentosessantagradi” si illuminano gli occhi come quando parla della sua ragazza.


I muri della città esprimono la volontà di  cambiare per curare e difendere la propria cultura: 
la generazione della Rivoluzione Culturale Partenopea. Un messaggio ambizioso che invita ad essere protagonisti di questo cambiamento, “sii turista della tua città”e… Impara a conoscerla, rispettarla, amarla. Niente va buttato di ciò che esprime: Storia, Arte, Cultura, Tradizione.

Attilio è sempre alla ricerca di qualcosa da  “ricampà”… lo fa con l’ingegno e la creatività che ha messo in Pizzasleep, la sua “creatura. Un  bed & breakfast  a Montesanto nel cuore del centro storico che gestisce con la sorella Maria.  Hanno saputo condire Margherita, Marinara e Capricciosa con le sfumature, i profumi, i colori di un ecodesign vesuviano spartano ed ecosostenibile.

E Napoli, quella vera, è li, sotto quei balconi che s’affacciano sulla gente che s’arrangia…una cartolina che si staglia dalla collina del Vomero al Castel Sant’ Elmo, dalla meravigliosa certosa di San Martino ai vicoli del centro storico.  Da quel balcone ho visto il sole nascere dietro il Vesuvio colorando di vermiglio il Golfo.  Una immagine indimenticabile.

Accoglienti, affidabili, disponibili e competenti. Un soggiorno indimenticabile. L’impegno di questi giovani napoletani mi ha colpito favorevolmente quanto il loro straordinario messaggio di napoletanita.  Davvero bravi.

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento