io so’ io e voi siete fantasmi…

…ovviamente la risposta del Marchese del Grillo negava persino l’esistenza  del fallo…

Ma Marika Cassimatis non sia arrende ad essere considerata un fantasma ne tanto meno una ex vincitrice.

Scomunicata da Beppe Grillo con un post sul suo blog il 17 marzo, ricorrere al tribunale civile per chiedere “la sospensiva del voto on line nazionale e il reintegro della nostra lista”.

L’ultimo voto on line nazionale ha promosso Luca Pirondini che era stato sconfitto da Cassimatis ma vicino ai vertici del Movimento e al garante(?) Grillo.

La Cassimatis aveva già depositato querela per diffamazione nei confronti di Beppe Grillo e Alessandro Di Battista: In “assenza di riscontri oggettivi e rilevanti vogliamo pubbliche scuse per quanto è accaduto”, ma “in 10 giorni non ha avuto alcun contatto con Grillo o con lo staff” ne la “reiterata richiesta dei documenti” che sono alla base della decisione del leader del Movimento di considerarla incandidabile perché lei e i suoi sostenitori avrebbero leso l’immagine del MoVimento, non ha prodotto nulla di concreto. L’ accusa più grave che le verrebbe mossa è la vicinanza ai fuoriusciti di Genova, tra i quali l’ex capogruppo in consiglio comunale Paolo Putti, e al sindaco di Parma  Pizzarotti.

“Il ‘fidatevi di me’  affermato da Beppe Grillo “non esiste in nessuno Stato di diritto, nemmeno nella Repubblica delle Banane. A nessuno di noi è stato concesso il diritto alla difesa”.

“Io e i candidati consiglieri che mi hanno sostenuto respingiamo tutte le accuse di Beppe Grillo. Siamo profondamente offesi e ci sentiamo diffamati nel nostro onore da accuse che non sono sostenute da alcuna prova oggettiva. Chiediamo che vengano presentati i documenti che ci accusano di pesante attività contro il Movimento”.

E’ ormai nota la risposta del marchese del grillo: io so’ io e voi non siete un cazzo!

P.s. ad onor del vero il metodo praticato dal marchese pare sia abbastanza diffuso in Italia e non solo nel M5S ma ovunque si debba ancora fare i conti con i marchesi e con i loro metodi…

FacebookTwitterGoogle+

Lascia un commento